giovedì, 20 settembre 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Il crollo dell’Emilia rossa
Pubblicato il 07-03-2018


In Emilia-Romagna ci sono state tre rivoluzioni politiche. La prima avvenne nel primo dopoguerra. Due avvenimenti la determinarono. Il primo fu la grande guerra, col suo carico di lutti. In Italia i morti furono 650mila, quasi tutti giovanissimi, molti studenti, che produssero un carico di esaltazione patriottica contagiando tante famiglie. La seconda fu la rivoluzione sovietica del 1917, col suo valore del primo esempio di socialismo realizzato, che infiammò l’Europa, e che aveva fatto dire a molti riformisti emiliani che bisognava fare “come in Russia” criticando i prampoliniani e i baldiniani per la loro lentezza. L’impasto del patriottismo con la reazione al bolscevismo (o col bolscevismo mancato) generò il fascismo.

Alle elezioni del novembre del 1922, un mese dopo la marcia su Roma, i fascisti vinsero le elezioni comunali di Reggio Emilia. I socialisti diedero l’indicazione di astenersi (l’avevano già fatto alle elezioni politiche del 1921). Primo sindaco fascista di Reggio fu Pietro Petrazzani, prima consigliere comunale del Psi, che aveva perso un figlio in guerra. Ma socialisti erano la maggior parte dei nuovi fascisti. Da Michele Bianchi, primo segretario del Pnf a Edmondo Rossoni, inventore del sindacalismo fascista, al bolognese Dino Grandi. Di Mussolini che dire? Dall’egemonia socialista a quella fascista il passo fu meno lungo di quel che si potrebbe immaginare. Ferrara, Modena, Reggio divennero le province più fasciste. A Bologna, nell’ottobre del 1926, venne brutalmente massacrato dalla folla inferocita il ragazzino che aveva sparato a Mussolini, ma già nel 1920 si verificarono i tragici fatti di Palazzo d’Accursio. Il sistema riformista però venne ereditato dai fascisti, non soppresso, a cominciare dalla cooperazione.

La seconda rivoluzione avvenne nel secondo dopoguerra. Fu originata dalla lotta di liberazione, diretta e controllata dai comunisti in tutta Emilia coi Gap che erano diretta emanazione del Pci, coi commissari delle brigate Garibaldi che facevano aperta propaganda tra i partigiani (si formarono per questo, oltre che per il dissenso sulle eliminazioni mirate, le fiamme Verdi), poi dalla stessa idea di una continuità almeno formale col passato (nel Psiup passò la norma che impediva a chi era stato iscritto al partito fascista repubblicano di ottenere la tessera, mentre nel Pci si passò sopra), in talune città si scelse come sede quella del vecchio partito fascista, si definì federale il segretario (pagare la tessera era quasi un obbligo per trovare un impiego), si occuparono le cooperative prima socialiste e poi fasciste.

La terza rivoluzione, quella attuale, a me pare la meno legata da filo di continuità con la fase precedente. Anzi originata dal crollo completo di tutto ciò che prima era esistente. Il partito comunista non esiste più da quasi trent’anni, i suoi eredi sono senza identità, l’ultimo partito, il Pd, fondato nel 2007 é un miscuglio di ex democristiani e poi popolari e di ex comunisti. Ai primi appare affidata la politica ai secondi la tutela della loro storia (quella socialista é stata cancellata). Questo ha reso possibile un azzeramento dei legami e delle appartenenze. La globalizzazione, la finanziarizzazione, l’immigrazione, hanno creato nuovi bisogni, nuove tendenze. Un’informazione sguaiata, l’avvento dei social, l’immagine che mostra che é sempre e solo colpa della politica, dipinta come corrotta, avvezza solo al potere, indifferente ai bisogni dei cittadini, ha fatto il resto. Un comico al potere consente di deridere quel che si avversa. Il voto è un referendum a chi la spara più grossa. L’estremismo batte la moderazione, l’urlo prevale sul ragionamento.

Anche in Emilia-Romagna, soprattutto qui, dove gli istituti classici dell’egemonia comunista e post comunista erano la cooperazione, oggi in via di smantellamento con veri e propri espropri dei soci e licenziamento del dipendenti, e il ceto medio (non a caso Togliatti scelse Reggio Emilia nel settembre del 1946 per la sua conferenza su Ceti medi ed Emilia rossa) oggi entrato in una profonda crisi. Tutto questo ha generato, esattamente come avvenne in occasione dell’avvento del fascismo, la conseguenza che proprio nelle zone più tradizionalmente comuniste e di sinistra si siano affermati i Cinque stelle e in parte la stessa Lega. Il risultato di Campegine, di Pavullo, di Budrio di tutti i comuni andati al ballottaggio lo scorso anno (oltre al massiccio astensionismo delle elezioni regionali alle quali ha partecipato solo il 37 per cento degli aventi diritto) sono stati precedenti da non sottovalutare e questo dimostra che anche a livello amministrativo la successione (molti comuni capoluogo verranno rinnovati il prossimo anno) non pare impossibile. Dati alla mano se a Cavriago, il comune più rosso e patria del busto di Lenin, vincono i Cinque stelle, come a Campegine, patria dei sette fratelli Cervi, ha perso la sinistra, questo sommovimento che chiamo rivoluzione (senza sangue, senza presa del palazzo d’Inverno) ma di questo si tratta, attecchisce ancora di più dove la sinistra era forte. Cosi come il fascismo attecchì di più dove il socialismo era egemone e si era fatto sistema. Rifletterci un po’ non sarà un male. Capire é necessario prima di agire. Altrimenti si prende a pugni il vento.

Angela Merkel bce Berlusconi bersani CGIL crisi Donald Trump elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale Luigi di Maio M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Silvio Berlusconi UE UIL Unione europea USA



Commenti all'articolo
  1. La metafora con cui si conclude questo interessante Fondo del Direttore, ossia il “prendere a pugni il vento”, me ne ispira una seconda, che mi fa paragonare le idee del socialismo ad un vecchio vitigno, che ha saputo resistere alla siccità e al gelo, volta a volta rigenerandosi, ma che ha poi dato frutti diversi, cioè varietà nuove, causa gli innesti via via intervenuti nel tempo (pur se il ceppo è rimasto sempre quello d’origine, pur logorato e contorto che possa sembrare).

    Per questa ragione io credo che le idee socialiste continueranno ad esistere, come la radice di cui dicevo, che si mantiene viva nonostante gli anni, e continueranno ad alimentare speranze ed aspettative – e forsanche suggestioni o illusioni, che talora non sono inopportune – pur tra limiti e imperfezioni, mentre il destino dei socialisti, intesi come partito, è sicuramente più incerto, e a me sembra in ogni caso legato alla “dose” di riformismo che sapranno esprimere ed immettere nei propri propositi.

    Nella mia mente il riformismo si sostanziava nelle capacità di dare risposte concrete e pragmatiche ai problemi, applicando le “ricette” volta a volta più consone, coniugando idealità e concretezza, senza respingere in via pregiudiziale misure che potevano o potrebbero sembrare patrimonio culturale della “destra”, vedi, se non erro, il convertirsi all’interventismo dopo Caporetto, e così per il “patriottismo”, o i valori identitari, che oggi paiono riemergere nel sentire comune (per ovviare alla cosiddetta società “liquida”).

    Ovviamente non sappiamo come, in questa tornata elettorale, si siano distribuiti i voti dei socialisti, considerati nel loro insieme, ma non si può ragionevolmente escludere che un certo qual numero abbia ritenuto di non andare a “sinistra”, pensando di potervi incontrare una linea politica tendente al massimalismo, anziché incline al riformismo, e io credo che questo aspetto non dovrebbe essere ignorato da parte di chi si propone di veder prima o poi risorgere una forza socialista (alla stregua di vecchi vitigni ritornati in auge, come sta oggigiorno succedendo).

    Paolo B. 07.03.2018

  2. Anche il Partito Socialista avrà fatto qualche errore..o no?
    Visti i risultati, da ‘realista’ direi che bisognerebbe cercarli.Per me sono una mancata attività di partito, una mancata presenza sul territorio, e ignorare che il mondo è cambiato. I soclalisti ‘storici’ parlano spesso del passato, ma dimenticano che i grandi socialisti del passato avevano una grande capacità di ‘anticipare il futuro’, di essere anche un pò spregiudicati (senza essere sbruffoni, come Renzi, che peraltro abbiamo appoggiato nel disastroso referendum).
    Ci sarebbero tante cose da dire, speriamo che almeno questa volta si facciano riunioni e assemblee per poter riflettere e rinnovarsi. Grazie comunque a chi si è impegnato in questa campagna elettorale, a chi è stato in Parlamento e al Senato, e sicuramente ha lavorato bene, ma non basta, evidentemente… Ci vuole una strategia e procedere per piccoli ma signifivcativi obbiettivi.

  3. Caro Direttore, la tua analisi sull’Emilia è una lezione di Storia sulla quale ognuno di noi dovrebbe ragionare prima di agire.
    Purtroppo le tue preziose considerazioni non giungono a tutti i destinatari, ma solamente a una piccola parte che certamente è d’accordo con te.
    In virtù proprio di questa tua analisi, mi permetto di esprimere n le mie preoccupazioni per il ripetersi ciclicamente soluzioni antidemocratiche alle crisi di identità della Sinistra.
    Ora è evidente che chi ha a cuore le sorti del nostro Paese, deve fermarsi, prendere coscienza della posta in gioco e agire di conseguenza senza se, senza ma.
    A mio parere c’è solo un modo per fermare la deriva annunciata: necessita un bagno di umiltà da parte di tutti i soggetti in campo, una analisi spietata sulle cause e con pazienza tessere un processo di aggregazione coscienti che i contraenti hanno in comune le origini ” il Socialismo” e in virtù di quello dar vita ad un soggetto Politico per sfidare i vari populismi.
    Spero che molti intellettuali entrino in campo, dando il loro indispensabile contributo.

  4. Quando mi presentati candidato – col PSDI – alle elezioni comunali del ’64, mio padre mi disse: “Figliolo hai deciso di candidarti, voglio che tu sappia che in questa città (50.000 abitanti all’epoca) di famiglie antifasciste saremo state non più di una cinquantina”.

Lascia un commento