lunedì, 23 aprile 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Istat, a gennaio imprese in rosso
Pubblicato il 28-03-2018


produzione industriale

Oggi, l’Istat, ha reso noto i dati sulla produzione. Il mese di gennaio 2018 è stato negativo per l’industria italiana. Il fatturato dell’industria, dopo tre mesi consecutivi di crescita, particolarmente marcata a dicembre, ha segnato un calo congiunturale su base mensile (-2,8%). Nella media degli ultimi tre mesi, si registra, comunque, un incremento congiunturale del 2,1%. Anche per gli ordinativi, a gennaio, si rileva una flessione congiunturale (-4,5%) che segue l’accelerazione registrata a dicembre 2017; la dinamica congiunturale degli ultimi tre mesi rimane tuttavia positiva (+1,7%).

La diminuzione congiunturale del fatturato, a gennaio, è stata pari a -2,8% sia sul mercato interno sia su quello estero. Anche gli ordinativi segnano decrementi su entrambi i mercati (-6,4% per il mercato interno e -1,9% per quello estero).

Gli indici destagionalizzati del fatturato mostrano diminuzioni congiunturali diffuse in tutti i raggruppamenti principali di industrie, più rilevanti per i beni strumentali (-5,8%).

Corretto per gli effetti di calendario (i giorni lavorativi sono stati 22 contro i 21 di gennaio 2017) il fatturato totale è cresciuto in termini tendenziali del 5,3%, con incrementi del 4,6% sul mercato interno e del 6,3% su quello estero.

L’indice grezzo del fatturato è aumentato, in termini tendenziali, dell’8,6%: il contributo più ampio a tale incremento proviene dalla componente interna dei beni intermedi. Per il fatturato il settore che ha registrato il maggiore incremento è quello della metallurgia (+13,2%); mentre l’unica variazione negativa nel comparto manifatturiero si rileva per i mezzi di trasporto (-1,9%). Nel confronto con il mese di gennaio 2017, l’indice grezzo degli ordinativi ha segnato un aumento del 9,6%. L’incremento più rilevante si è registrato nella fabbricazione di macchinari (+16,6%).

Sarà necessario un attento monitoraggio, alla prossima rilevazione dell’Istat, per comprendere se si è trattato di un calo fisiologico di assestamento conseguente all’incremento positivo del precedente mese di dicembre 2017 oppure se, invece, si tratta di un pericoloso segnale di allarme.

I dati di gennaio scorso rilevati dall’Istat sono comunque un invito a valutazioni prudenziali sulle attese future per l’economia del nostro Paese.

Salvatore Rondello

Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Silvio Berlusconi siria UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento