lunedì, 18 giugno 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Leonardo Scimmi
Prendere subito l’iniziativa
Pubblicato il 26-03-2018


Il risultato del PSI alle elezioni – tolto l’estero dove si é avuto un buon numero di preferenze – é deludente. Il risultato del PD alle elezioni é deludente.Il risultato di LEU alle elezioni é deludente. Oggi la sinistra è spettatrice di un gioco che riguarda solo destra e 5 stelle, entrambi con pulsioni anti-europeiste.

L’Italia ha evidenziato due problemi: immigrazione e povertà. La sinistra deve perciò ricostituirsi, riunirsi e trovare un nuovo progetto e comunicazione. L’autoelogio non ha convinto gli elettori.

Il Partito Democratico deve ritrovare la sua anima “sociale”, diventare un Partito Socialdemocratico. Il PSI deve prendere l’iniziativa ora, prima di tutti, per riunire tutti i socialisti e spingere il PD ad una riflessione identitaria.

Se convinceremo le giovani classi dirigenti dei nostri partiti a seguire questa road map, avremo reso un servizio utile all’Italia ed all’Europa.

Leonardo Scimmi

Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Silvio Berlusconi siria UE UIL Unione europea USA



Commenti all'articolo
  1. L’idea di “prendere l’iniziativa ora, prima di tutti” mi sembra ragionevole e lungimirante, ma mi limiterei a cercar di “riunire tutti i socialisti” – il che mi parrebbe già un passo importante, ancorché non scontato – ed eviterei nel contempo di spingere a “diventare un Partito Socialdemocratico” chi ha ben altra e differente storia, e cultura politica.

    Il momento potrebbe essere forsanche favorevole ai socialisti, nel senso di trovare attenzione in seno all’elettorato, anche in vista del prossimo voto amministrativo, ma alla condizione, a mio avviso almeno, di saper esprimere una politica liberal riformista – senza cioè cadere in tentazioni “massimaliste” – tradotta in proposte concrete e realistiche.

    Paolo B. 26.03.2018

Lascia un commento