domenica, 22 luglio 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Pappatoia
Pubblicato il 30-03-2018


Non era mai accaduto nella storia repubblicana. Su 32 posizioni degli uffici di presidenza di Camera e Senato il partito che ha annunciato di voler stare all’opposizione ha avuto due cariche di vice presidente, nessun questore, mentre il movimento Cinque stelle sfiora la maggioranza assoluta e domina negli uffici dei questori. Addirittura manca un solo esponente Pd tra i segretari di presidenza delle due Camere, che tradizionalmente venivano accordati a tutti i gruppi, compreso il misto. C’é da restare senza parole, e invece dobbiamo parlare per sottolineare due ragioni che stanno alla base di questa scelta dissennata.

La prima é relativa a una concezione malata della democrazia. I Cinque stelle non hanno vinto le elezioni. Col 32 per cento non si governa e non si detta legge. La Dc non lo fece col 48 per cento e la maggioranza assoluta in una Camera, ottenuto nel 1948. Eppure l’idea che col 32 per cento si debba governare (Berlinguer sosteneva che non era possibile nemmeno col 51) é convinzione radicata per loro. Quasi un dogma o un mantra. Di Maio ha diritto a diventare presidente del Consiglio e non si accetteranno subordinate. Bella concezione della democrazia, non c’é dubbio.

Ma la seconda ragione é l’uso politico che i Cinque stelle, forse col consenso di Salvini o forse no, intendono fare degli uffici di presidenza a partire da quello della Camera. Loro ossessione sono, come é noto, i vitalizi. Dicono che vogliono applicare agli ex parlamentari che ne hanno diritto il sistema in vigore per tutti gli altri pensionati. E invece, sposando la legge Richetti, applicherebbero un contributivo integrale che, oltre ad essere retroattivo e dunque incostituzionale, é anche applicato prima che il contributivo ci fosse, cioè antecedente il 1996. Cosa che non avviene per nessuno dei venti milioni di pensionati. Non so se vorranno fare altri tagli, e dove. Io ne proporrei uno costituzionalissimo. E cioè quello ai loro stipendi che ammontano al triplo dei più alti tra i vitalizi.

Angela Merkel bce Berlusconi bersani CGIL crisi Donald Trump elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Silvio Berlusconi siria UE UIL Unione europea USA



Commenti all'articolo
  1. Caro Direttore come dice un vecchio proverbio sempre in uso ” tra il dire e il fare c’è di mezzo il mare” quello che è successo nelle cariche di garanzia istituzionali non è un buon viatico per la democrazia, perché in parlamento tutti gruppi politici si devono sentire tutelati. Sembra che abolendo i vitalizi si risolva il problema del debito pubblico, si vuol dare un segnale di efficienza nel taglio delle spese improduttive , ma se guardiamo bene gli sprechi da tagliare ma si annidano soprattutto nella burocrazia e negli apparati di spesa dello stato e delle regioni

Lascia un commento