martedì, 18 settembre 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Roberto Fico e le buone vecchie abitudini (del taxi)
Pubblicato il 27-03-2018


La buona notizia non è che Fico è andato alla Camera in autobus. La buona notizia è che l’autobus è passato, ha evitato le buche ed è arrivato in orario. Ma ancora più sconvolgente è che Roberto Fico è riuscito a trovare un posto seduto durante l’ora di punta senza essere costretto ad essere ridotto come una sardina.

roberto ficoL’altra buona notizia è che la curiosità che ci ha sempre contraddistinto ci permette di non essere presi in giro. Perché gli strumenti per smentirli li forniscono loro stessi sul sito tirendiconto.it (fermo a dicembre 2017). A novembre 2016 Roberto Fico spende 16, 50 € di autobus e 164,20 € di taxi. A dicembre 10 € di autobus e 264,20 € di taxi. A gennaio e febbraio 2017 il nuovo Presidente della Camera non ha mai preso un autobus spendendo invece 525,30 € di taxi (rispettivamente 250,10 € a gennaio e 275,20 € a febbraio). A marzo chiede il rimborso di una sola corsa per un totale di 1,50 € prendendo il taxi per un totale di 290,55 €. Ad aprile compra cinque biglietti per un totale di 7,50 € utilizzando il taxi per 212,80 €. A maggio tre biglietti dell’autobus per 4,50 € e il taxi per 188,40 €. A giugno Roberto Fico spende 6 € di autobus (prendendolo quindi 4 volte) e 269,40 € di taxi. A luglio solo due corse con l’autobus (3 €) e 223,35 € di taxi. Ad agosto, settembre ottobre, novembre e dicembre 2017 l’Onorevole non sale mai su un autobus spendendo in taxi ben 776,44 € (rispettivamente 108,80 € ad agosto, 276,80 € a settembre, 146,20 € a ottobre, 94,04 € a novembre e 150,60 a dicembre). Da novembre 2016 a dicembre 2017 il nuovo Presidente della Camera dei Deputati si è fatto rimborsare ben 2914,64 € di taxi a fronte di 49,50 € di biglietti dell’autobus.

Mentre una parte del web lo osanna e una parte lo prende in giro lanciando l’hashtag #RobertoFicoSantoSubito. C’è chi parla di “vecchia abitudine” e numeri alla mano non sembra proprio essere un’abitudine. Una bellissima trovata di marketing. Solo di questo si tratta. Anche perché la terza carica dello Stato è un obiettivo a rischio dal punto di vista della sicurezza. Ma il primo giorno non si può arrivare con l’auto blu, almeno non subito. Mentre diventano virali post del neo-Presidente che rinuncerà alla scorta molti ignorano che la legge 2/2002 stabilisce che è il Ministero dell’Interno ad assegnare i servizi di scorta e che non è facoltà del Presidente potervici rinunciare. Insomma la scorta è un obbligo. E nel caso in cui l’autobus dovesse diventare veramente un’abitudine non temessero gli autisti e gli uomini della scorta: c’è il reddito di cittadinanza.

Valentina Bombardieri
Blog Fondazione Nenni

Angela Merkel bce Berlusconi bersani CGIL crisi Donald Trump elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale Luigi di Maio M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Silvio Berlusconi UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento