giovedì, 19 aprile 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Scrive Andrea Zirilli: 
Per non dimenticare Aldo Moro
e la sua scorta
Pubblicato il 16-03-2018


“Un agguato agghiacciante: pochi minuti dopo le 9, un commando composto da dodici terroristi ha massacrato i cinque uomini di scorta e ha rapito Aldo Moro. È stata un’azione di tipo militare che non permetteva margini di errore, eseguita da professionisti, tiratori scelti”.
Così recitava un quotidiano 40 anni fa, il giorno dopo di quel lontano 16 marzo 1978, quando a Roma, in via Fani, fu rapito il Presidente Aldo Moro e assassinata la sua scorta.

Il Paese era sotto choc e a Roma migliaia di lavoratori si riunirono su invito dei sindacati, per manifestare lo sdegno contro questo efferato delitto.

A poche ore dal rapimento si votò la fiducia al Governo monocolore di Giulio Andreotti, sostenuto da tutti i partiti compreso il PCI.
Arrigo Levi firmando un pezzo sulla Stampa definì le Brigate rosse, rosse solo per il sangue versato di innocenti.
Moro fu prigioniero per 55 giorni e “giustiziato” il 9 Maggio del 1978.

In questa giornata è fondamentale ricordare per non dimenticare chi per servire lo Stato ha sacrificato la sua vita. Il rispetto della “morte naturale” è doveroso, ma lo deve essere anche di più il rispetto della “morte violenta” di uomini rei di andare controcorrente, rei di dedicarsi a costruire un ponte tra il consenso di oggi e quello di domani, rei di essere stati studiosi al servizio dello Stato

Andrea Zirilli

Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Silvio Berlusconi siria UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento