domenica, 20 maggio 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Scrive Mario Paolo Guidetti:
“Il nuovo” e il malcontento di un Paese ammalato
Pubblicato il 06-03-2018


“È uno di quei giorni che ti prende la malinconia…E non mi son servite a niente esperienze e delusioni…” Mentre ascolto le note di Ornella Vanoni e rifletto sul risultato delle elezioni politiche, sono giunto ad alcune amare conclusioni.

Non avendo il potere di “fissare un tetto ai meriti e una soglia ai bisogni” né “aspettare gli ultimi per arrivare assieme”, nel mio piccolo, cercherò di “socializzare il sapere”

– i partiti con una base ideologica si sono disgregati
– la sinistra continua la “guerra dei Roses” iniziata nel 1921
– l’Italia è un Paese senza statisti
– i principi di Platone e Prampolini sono un miraggio utopico

“Uniti siamo tutto, divisi siamo nulla”: il sistema forse neppure ricorda la massima di Camillo Prampolini. Il “nuovo che avanza ed è premiato elettoralmente”, privo di ideologia ha fatto presa sul malcontento di un Paese ammalato.

Nel prenderne atto e sentimentalmente guardando ad un partito dalla grande storia e dai grandi ideali, il PSI, mi sovviene la canzone di Gaber: “…ma per fortuna che c’e’ il Riccardo (Nencini) che da solo gioca al biliardo…”

Null’altro mi resta da dire se non “domani è un altro giorno, si vedrà” Cosa? Non so ma, sperando di non fare la fine di Amatore Sciesa, “tiremm innanz”

Mario Paolo Guidetti

Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Silvio Berlusconi siria UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento