mercoledì, 19 dicembre 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Valentino Rossi, no grazie al ritiro: accordo con la Yamaha fino al 2020
Pubblicato il 15-03-2018


Il Dottore ha sciolto le riserve alla vigilia dell’inizio del Mondiale: c’è la firma per altre due stagioni. “Essere competitivo a 40 anni sarà dura, ma è una nuova sfida e salire in moto mi fa sentire giovane”

rossiLOSAIL – Ma quale ritiro! Valentino Rossi correrà fino al 2020. È ufficiale infatti il rinnovo del contratto tra il Dottore e la Yamaha: accordo per altre due stagioni con il pilota italiano che sarà così in gara fino a quasi 42 anni.

“NUOVA SFIDA, MI SENTO GIOVANE” – L’annuncio arriva a poche ora dall’inizio della nuova stagione di MotoGp (domenica il primo Gran Premio in Qatar) e farà sicuramente felici tutti i tifosi del Dottore. “Essere competitivo fino a 40 anni è dura, ma sono pronto per la sfida – le parole di Valentino dopo la fumata bianca -. Sono giunto alla conclusione che voglio continuare perché correre, essere un pilota della MotoGp ma soprattutto guidare la mia M1, è la cosa che mi fa sentire bene e giovane. E’ un piacere avere l’opportunità di lavorare con il mio team, i miei meccanici e gli ingegneri giapponesi e sono felice. So che sarà dura e che richiederà molto impegno da parte mia e un sacco di allenamento, ma io sono pronto. La motivazione non mi manca, per questo ho firmato per altri due anni”.

GRANDE SINTONIA CON LA YAMAHA – La combinazione del “Dottore” e della YZR-M1 ha un forte ruolo di leadership nei titoli del Campionato del Mondo MotoGP. È il pilota del Gran Premio di maggior successo della Yamaha nella storia, con 56 vittorie, 43 secondi posti e 35 terzi posti garantiti in 206 gare insieme. Inoltre, tra le 500 vittorie del Grand Prix ottenute dalla scuderia giapponese, raggiunte a Le Mans nel 2017, esattamente l’11% portano la firma di Rossi, avendo totalizzato 55 vittorie su Yamaha fino a quel momento. Con sei podi forti lo scorso anno, compresa una brillante vittoria del GP nei Paesi Bassi, il Team MotoGP Movistar Yamaha è fiducioso nella collaborazione con Valentino e non vede l’ora di essere un serio concorrente per il titolo per il 2018 e le stagioni successive. Rossi c’è.

Francesco Carci

Angela Merkel bce Berlusconi bersani CGIL crisi Donald Trump elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale Luigi di Maio M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Sergio Mattarella Silvio Berlusconi UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento