giovedì, 18 ottobre 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Alitalia, dall’Ue indagine sul prestito ponte
Pubblicato il 23-04-2018


alitalia-lufthansa

Si riaccendono i riflettori su Alitalia. La Commissione europea ha deciso di avviare un’indagine approfondita sul prestito ponte di 900 milioni di euro concessi dallo Stato italiano ad Alitalia per verificare se sia o meno conforme alle norme comunitarie riguardanti gli aiuti alle imprese in difficoltà. “È compito della Commissione garantire che i prestiti che gli Stati membri concedono alle imprese siano conformi alle norme dell’Ue in materia di aiuti di Stato. Verificheremo se il prestito concesso ad Alitalia è conforme a tali norme”, ha scritto la commissaria alla Concorrenza Margrethe Vestager nella nota con cui Bruxelles ha diffuso la notizia dell’avvio dell’indagine. Un’indagine che era nell’aria e che potrebbe non avere un esito positivo per l’Italia, in virtù della durata del prestito, superiore ai sei mesi che solitamente rappresentano l’orientamento per misure di salvataggio.

Va ricordato che già il prestito ponte da 300 milioni di euro erogato ad Alitalia nel 2008 era stato bocciato dalla Commissione europea. C’è però da dire che, quanto meno nel 2017, la cifra stanziata non è stata praticamente intaccata dalla compagnia, che si trova sotto gestione commissariale, con la quale è riuscita a ridurre alcuni costi e a garantire la continuità operativa necessaria e non perdere clienti e quindi utili ricavi. Tuttavia è appena trascorsa una stagione invernale che potrebbe avere determinato l’insorgere di perdite. Nel frattempo la procedura di vendita della compagnia è stata temporalmente prorogata, soprattutto nell’attesa che si formi un nuovo Governo. Sul tavolo ci sono tre offerte, che coinvolgono Lufthansa, Easyjet e Wizz Air. Nessuna però può considerarsi vincolante, anche in virtù dell’incertezza politica italiana.

Non è infatti detto che se Movimento 5 Stelle o Lega dovessero andare al Governo avrebbero la volontà di cedere Alitalia o di accettare di doverla ristrutturare prima di venderla effettivamente come del resto ha fatto capire di volere, per esempio, Lufthansa. La compagnia tedesca vorrebbe infatti che fosse ridotto il perimetro occupazionale del vettore italiano prima di acquistarlo, così da evitare di ritrovarsi a trattare con i sindacati per gli esuberi. Si vorrebbe quindi lasciare il difficile compito di tagliare il personale direttamente all’attuale gestione. Nel frattempo si avvicina la stagione estiva che potrebbe portare importanti ricavi per le casse di Alitalia, anche se si fa più agguerrita la concorrenza, con il primo volo che verrà effettuato il 15 maggio da Air Italy, compagnia in cui è entrata, con il 49%, Qatar Airways e che opererà anche nei voli interni.

Angela Merkel bce Berlusconi bersani CGIL crisi Donald Trump elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale Luigi di Maio M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Sergio Mattarella Silvio Berlusconi UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento