mercoledì, 12 dicembre 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Dal Cdm via libera al Def. Ora tocca alle Camere
Pubblicato il 26-04-2018


gentiloni padoan

Entro la scadenza, il Consiglio dei ministri ha approvato il Def. Il Presidente del Consiglio, Paolo Gentiloni, al termine del Cdm ha detto: “Un Def particolare, come si dice in gergo a politiche invariate, che non contiene la parte programmatica delle riforme che spettano al prossimo governo.

Nel Def c’è la fotografia della situazione tendenziale dell’economia italiana ed emerge un quadro positivo che riflette il buon lavoro fatto in questi 5 anni.  Oggi fotografiamo con questo Def risultati molto rilevanti.

Quello del Def è un quadro che ci dice che l’Italia è uscita finalmente dalla crisi economica più difficile dal dopoguerra, che la crescita è ripresa e si è andata consolidando, che il lavoro dall’inizio della legislatura è cresciuto recuperando circa un milione di posti di lavoro, che il deficit si è ridotto da circa il 3 a attorno al 2 e che anche il debito cresciuto enormemente tra il 2007 e il 2012-2014 si è stabilizzato e comincia a scendere”.

Dopo, il ministro dell’Economia, Pier Carlo Padoan, al termine del Cdm che ha varato il Def, ha affermato: “La crescita nel Def è confermata all’1,5%. Questa cifra riflette un atteggiamento prudenziale di quello che l’economia può produrre. Nel 2018 il debito diminuisce in misura visibile, di un punto percentuale. Si tratta di un dato estremamente importante in un contesto in cui negli anni passati continuava a crescere ed era considerato come uno dei principali fattori di rischio dell’unione monetaria. Ora sta diminuendo grazie a una oculata gestione che mostra che la strategia è quella giusta: non è necessario deviare o pensare a misure eccezionali.

Il rapporto tra deficit e Pil è collocato al 2,3 per il 2017. Questo numero, più alto dell’iniziale previsione dell’1,9 incorpora risorse che il Governo ha messo per aggredire la situazione difficile dal punto di vista bancario.
Le clausole di salvaguardia sugli aumenti Iva nella versione del Def approvata dal governo sono tenute dentro, nell’aspettativa che, come in passato, il prossimo governo presenti misure per rimuoverle.

Nonostante l’impatto degli aiuti alle banche, il Def registra una over-performance della finanza pubblica dovuta ad una accurata gestione, che nulla ha tolto agli stimoli alla crescita”. Padoan, poi, ha anche ricordato la sua visione “Del sentiero stretto, un equilibrio possibile ed efficace tra continuo risanamento della finanza pubblica e sostegno alla crescita, che ha a che fare con l’intonazione ma molto anche con la composizione della politica di bilancio, cioè cosa si è fatto con i soldi pubblici, sia sul fronte del calo delle tasse sia su quello degli investimenti”.

In conclusione, per Padoan: “Il Pil, a legislazione vigente, crescerà all’1,4% nel 2019 e all’1,3% nel 2020”.

Tra i provvedimenti approvati dal Consiglio dei ministri c’è anche il decreto sulla proroga dei tempi di vendita della compagnia aerea. L’annuncio lo ha fatto il presidente del consiglio, Paolo Gentiloni, iniziando la conferenza stampa al termine del Cdm.

Il Consiglio dei ministri uscente, assolvendo il proprio dovere, ha rispettato i tempi tecnici per l’approvazione del Def. Adesso spetterà al Parlamento pronunciarsi in merito.

Salvatore Rondello

Angela Merkel bce Berlusconi bersani CGIL crisi Donald Trump elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale Luigi di Maio M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Sergio Mattarella Silvio Berlusconi UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento