giovedì, 26 aprile 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Dazi, si alza lo scontro tra Cina e Usa
Pubblicato il 04-04-2018


trump dazi

Si alza il livello dello scontro commerciale fra Usa e Cina dopo che ieri sera l’Amministrazione Trump ha diffuso un nuovo elenco di prodotti cinesi soggetti a dazi doganali del 25%. La lista proposta dall’USTR copre circa 1.300 prodotti importati dalla Cina, in settori come l’industria aerospaziale, le tecnologie dell’informazione e della comunicazione, la robotica e i macchinari, per un valore di circa 50 miliardi di dollari annui. Washington giustifica i nuovi dazi proposti con le accuse di violazione della proprietà intellettuale lanciate dall’amministrazione Trump nell’agosto 2017. La lista ora sarà sottoposta a ulteriore revisione pubblica prima di una decisione dell’USTR.

La nuova offensiva degli Stati Uniti ha prontamente provocato la reazione di Pechino che l’ha definita una “pratica tipicamente unilaterale e protezionista alla quale la Cina si oppone fermamente”. Il ministero del commercio cinese ha quindi annunciato un piano per introdurre dazi su 106 prodotti statunitensi tra cui auto, soia, prodotti chimici e aerei. Gli interventi avrebbero un valore di 50 miliardi di dollari annui, pari a quello delle nuove tariffe annunciate da Washington.

“Abbiamo la fiducia e la capacità di rispondere a ogni misura protezionistica commerciale degli Stati Uniti”, ha reso noto il ministero del Commercio di Pechino, che starebbe valutando anche l’opzione di ricorrere all’Organizzazione Mondiale del Commercio. “Non vogliamo una guerra commerciale, ma non ne abbiamo paura: se qualcuno insiste per iniziarla combatteremo fino alla fine”, ha detto il portavoce del ministero degli Esteri cinese Geng Shuang.

Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Silvio Berlusconi siria UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento