giovedì, 15 novembre 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

FUTURO POSSIBILE
Pubblicato il 06-04-2018


psi-bandiera

Due appuntamenti per il partito. Due occasioni per riprendere la discussione sul futuro. Dopo il risultato elettorale dello scorso 4 marzo, spiega il segretario del Psi Riccardo Nencini “è necessario che nel partito si avvii una discussione sul futuro a cui partecipi il maggior numero possibile di dirigenti, militanti, iscritti e simpatizzanti. Una discussione che dovrà avere come oggetto la situazione in cui si trova la sinistra riformista italiana, sui rimedi da adottare per arrestare una deriva che, alla luce del disastro elettorale la cui portata non pare essere stata compresa in tutta la sua gravità da ampi settori del maggiore partito, il Pd, rischia di travolgerla definitivamente”.

Un discussione franca a cui tutto il partito è chiamato a partecipare attivamente. “Il Psi – continua Nencini – può svolgere un ruolo importante, a condizione che si adottino nuovi canoni da applicare prima di tutto nella nostra comunità e si conduca senza remore una campagna volta a trasformare profondamente il nostro campo politico che appare oggi del tutto inadeguato a far fronte alla svolta populista e sovranista impressa dall’elettorato, i cui effetti deleteri non tarderanno a mostrarsi e farsi sentire. Nella mia recente intervista all’Avanti! ho indicato alcuni dei compiti a cui la nostra comunità dovrà applicarsi”.

“Dobbiamo pensare a una forma organizzativa più snella, più attenta alla comunicazione e più legata ai propri rappresentanti territoriali e contestualmente dobbiamo rafforzare la tendenza a rinnovarsi”.

“E’ alle porte – ha detto ancora Nencini – una consultazione amministrativa che interesserà molti comuni. Dobbiamo proporre la costituzione di tavoli del centro sinistra aperti a liste civiche e dove si scelgano per la cariche di Sindaco i candidati migliori e non obbligatoriamente quelli del partito più grosso. Come vedete il lavoro da fare sarà impegnativo e considero necessario un confronto tra noi che avrà luogo attraverso due assemblee territoriali che interesseranno il Centro Nord e il Sud e le isole”.

“Saranno due appuntamenti fondamentali – ha concluso Nencini – in cui mi aspetto un grande partecipazione che dispieghi un franco e fecondo dibattito”.

La conferenza per il centro Nord si terra a Bologna, sabato 7 aprile, a partire dalle ore 10,30 presso il Savoia Hotel Regency in Via del Pilastro, 2. Mentre quella per il Centro-Sud Italia si terrà a Napoli il 14 aprile alle ore 11.00 presso Palazzo Caracciolo in Via Carbonara 112.

Angela Merkel bce Berlusconi bersani CGIL crisi Donald Trump elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale Luigi di Maio M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Sergio Mattarella Silvio Berlusconi UE UIL Unione europea USA



Commenti all'articolo
  1. Su twitter , recentemente, il Minnistro della Difesa R.Pinotti, sostiene che il PD non e’ un Partito Socialdemocratico, e che deve
    mantenere e rilanciare l’attuale linea politica.Liberal-democrazia?
    Se il PD non aderisce all’I.S come il PSI, rimarra’ ancora nel PES oppure si sposterà al centro per costituire un alleanza formale con FI? Questo significa portare avanti politiche liberali e non di sinistra.
    Che PES ne viene fuori , senza una forte organizzazione politica, che promuova l’Europa, la Democrazia Sociale, la concordia tra i Popoli Europei, I Diritti Umani.
    Questi sono i valori a cui aspirano i Popoli Europei.

Lascia un commento