lunedì, 15 ottobre 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

I diritti di un bimbo che muore
Pubblicato il 24-04-2018


Ho sempre sottolineato il fatto che uno stato laico debba garantire i diritti di tutti, senza violentare alcuna convinzione etica o religiosa. Dunque un cattolico che pensa che la vita non appartenga a noi ma a un essere superiore deve essere tutelato attraverso tutti gli strumenti necessari perché la sua convinzione non sia ignorata e la vita non venga interrotta neppure quando é solo artificiale. Ovvio che lo Stato debba garantire anche il principio opposto, quello di chi crede invece all’assoluta disponibilità individuale della vita di ciascuno e soprattutto alla legittima scelta di non subire invano i trattamenti della medicina quando la sua essenza, a mio avvviso la razionalità, viene sopraffatta senza possibilità alcuna di ripresa. Per questi obiettivi di tolleranza i laici si sono battuti, per questo lo stato laico é superiore alla teocrazia e anche allo stato etico. Compreso quello di stampo comunista che imponeva l’aborto, vedasi la Cina, anche a chi avrebbe voluto generare un figlio. Il caso di Alfie, il bimbo inglese a cui l’Italia ha offerto la cittadinanza su pressione della Santa sede, dovrebbe essere affrontato nello stesso modo. Il problema in questo caso é il diritto di scelta dei genitori al posto del bambino. I genitori hanno il pieno diritto di non far morire un essere umano purtroppo condannato senza speranza alcuna. Però non dovrebbero avere il diritto di far soffrire inutilmente un figlio costretto a una malattia senza spetanza. Attenzione quando si parla di diritti. Un bambino non é un bambolotto, ma una vita in essere che non può continuare a scapito di inutili e perduranti sofferenze. Se ne accertino bene i medici del Bambin Gesù. Dovremmo ormai essere in grado, con le moderne terapie, di annientare ogni dolore. Ma se così non fosse evitiamo questa assurda forma di egoismo che si scarica su un bambino indifeso in nome di un amore che potrebbe rivelarsi solo discutibile possesso. I genitori di Alfie hanno diritto di far vivere fino a quando sarà possibile il loro bimbo, ma quest’ultimo dovrebbe avere il diritto di non soffrire invano. Il diritto di Alfie é per me la chiave di tutto.

Angela Merkel bce Berlusconi bersani CGIL crisi Donald Trump elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale Luigi di Maio M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Sergio Mattarella Silvio Berlusconi UE UIL Unione europea USA



Commenti all'articolo
  1. Le limpide affermazioni del Direttore, sono lo spunto per allargare il discorso.
    Lo sfarinamento della Sinistra deriva dalla frantumazione di un sistema di valori, ergo la la rifondazione della Sinistra deve basarsi su una ricostituzione valoriale.
    L’ etica individuale, l’etica pubblica, l’etica ambientale dovranno essere i canali tematici centrali per la ricostruzione “nostra” e della Sinistra nel suo insieme.
    Alziamo il livello, partiamo da qui, con la bussola culturale e non anagrafica.
    Il rinnovamento deve essere nella produzione del pensiero, non nella luminosità dell’immagine della carta d’identità.
    I giovani abbiano la precedenza ma dimostrino di padroneggiare le fondative tematiche etico-culturali, altrimenti con affetto tornino a scuola, per poi riproporsi con maggiore solidità.

  2. Le limpide affermazioni del Direttore, sono lo spunto per allargare il discorso.
    Lo sfarinamento della Sinistra deriva dalla frantumazione di un sistema di valori, ergo la rifondazione della Sinistra deve basarsi su una ricostituzione valoriale.
    L’ etica individuale, l’etica pubblica, l’etica ambientale dovranno essere i canali tematici centrali per la ricostruzione “nostra” e della Sinistra nel suo insieme.
    Alziamo il livello, partiamo da qui, con la bussola culturale e non anagrafica.
    Il rinnovamento deve essere nella produzione del pensiero, non nella luminosità dell’immagine della carta d’identità.
    I giovani abbiano la precedenza ma dimostrino di padroneggiare le fondative tematiche etico-culturali, altrimenti con affetto tornino a scuola, per poi riproporsi con maggiore solidità.

Lascia un commento