mercoledì, 12 dicembre 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Federico Parea
I giovani, Del Bue e San Paolo
Pubblicato il 18-04-2018


Bene hanno fatto Maria Pisani, Elisa Gambardella, Luigi Iorio e tanti altri giovani compagni, cui, salvo per l’età, mi associo, a rilanciare sul tema del rinnovamento generazionale nella gestione del partito, replicando alle recenti provocazioni di Mauro Del Bue e facendolo tanto schiettamente quanto in modo ragionato.
Al riguardo, credo proprio che abbiano centrato il punto, cioè che l’esperienza cui Del Bue faceva riferimento per spronarli, quella dell’avvento del corso autonomista alla guida del Psi nella seconda metà degli anni ’70, c’entri ben poco con gli anni che corrono e non solo per dimensioni e disponibilità imparagonabili, anche economiche, tra partito di allora e quello di oggi, ma soprattutto per come è venuta meno nella società l’idea stessa di un professionismo politico, personale e collettivo, slegato da un protagonismo sociale. E mi sento di aggiungere, per inciso, che proprio l’assenza di verticalità su questo tema costituisca la debolezza maggiore delle riflessioni sul rinnovamento dell’organizzazione del partito così come sviluppate negli appuntamenti recenti di Bologna e di Napoli, incentrate su elaborazioni non più attuali e inadeguate, ormai, a reggere l’urto di questa fase (sostanzialmente si sta ridiscutendo di un odg presentato da Maria Pisani al Congresso di Salerno, che aveva come base un testo di Vincenzo Iacovissi, altro giovane di valore).
Il confronto tra Maria, Elisa e Luigi, da una parte, e Mauro, dall’altra, indica anche altro. A rilevare non è solo l’incontro/scontro tra due generazioni, che discutono del loro fisiologico avvicendamento. C’è una particolarità, infatti, che sottosta ai ragionamenti di tutti e che rende ancora più delicata e urgente questa sostanza. Mi riferisco all’idea che a traguardare la guida della comunità socialista possa essere una generazione non più coinvolta con la stagione del Psi ante 1992. Perché diciamocela tutta: un po’ perché era necessariamente così, un po’ perché era anche giusto, la regola che i partiti e i movimenti socialisti post 1992 si reggessero in ultima e unica istanza su un cavalierato di “chi c’era prima” ha costituito una premessa data fin troppo per scontata e forse non ancora da tutti, giovani e vecchi, ben inquadrata e superata.Torna però in mente il dissidio tra San Pietro e San Paolo, tra chi riteneva imprescindibile l’impronta giudaica nell’adesione al cristianesimo e chi affermava l’originalità della fede cristiana. Se avesse prevalso l’assunto di un cristianesimo come sola evoluzione di una coscienza ebraica, oggi giorno, conteremmo un numero ben inferiore di cristiani nel mondo.

Federico Parea
Segreteria nazionale PSI

Angela Merkel bce Berlusconi bersani CGIL crisi Donald Trump elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale Luigi di Maio M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Sergio Mattarella Silvio Berlusconi UE UIL Unione europea USA



Commenti all'articolo
  1. Ho stimolato i giovani ad assumersi appieno le responsabilità politiche che il momento richiede. Sono stato l’unico a farlo. La reazione è stata sbagliata. Il paragone non c’era. Se leggi il mio post era scritto che le condizioni sono diverse. Il paragone era sul carattere. Dimostrate, lo dico fuor di metafora, di averne altrettanto. Poi, ho aggiunto, io sarò al vostro fianco, anzi un passo dietro di voi.

  2. Questo il passo che ha fatto arrabbiare: “Ma che si facciano avanti come facemmo noi negli anni settanta, peraltro in un partito che pareva morto, anche se era messo meglio di quel che resta oggi della nostra storia”. Dunque continuare a dire che il paragone, che io non ho fatto, anzi ho sottolineato che il Psi di allora era messo meglio, è sbagliato, significa continuare a non prendere atto di quel che ho scritto. E cioè che non c’era nessun paragone tra il Psi degli anni settanta e quello di oggi, ma sul carattere dei giovani di allora con quelli di oggi. Chiaro?

  3. La storia non ripropone mai le stesse identiche circostanze e situazioni – pur se qualcosa ci insegna sempre, tanto che se così non fosse dovremmo sistematicamente disinteressarci del nostro passato – ma nella fattispecie qualche analogia tra i nostri giorni e quegli anni mi sembra di poterla ravvisare, e si configura verosimilmente nei risultati elettorali, in entrambi i casi, oggi come ieri, al di sotto delle aspettative, e tali dunque da indurre un qualche “ripensamento”.

    Allora, vale a dire nel 1976, di fronte all’esito fornito dalle urne, il PSI rivide la propria linea politica, unitamente ad un ricambio generazionale, e i giovani attuali, mutuando giustappunto quei fatti, potrebbero cogliere l’occasione delle prossime elezioni amministrative per sperimentare, almeno in talune realtà, un “nuovo corso”, e laddove i risultati dell’una o altra scelta fossero buoni i rispettivi protagonisti potrebbero proporsi come ricambio generazionale.

    Paolo B. 19.04.2018

Lascia un commento