venerdì, 17 agosto 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

I socialisti (dimenticati) e il 25 aprile
Pubblicato il 25-04-2018


Ormai non si contano le dimenticanze. La Costituzione sarebbe un compromesso virtuoso tra la Dc di De Gasperi e il Pci di Togliatti, rimuovendo per ignoranza o per settarismo due coserelle da poco. E cioè che la battaglia per la Repubblica vide protagonisti innanzitutto i socialisti, dal 1944 (al contrario dei comunisti che con la svolta di Salerno di quell’anno legittimarono la monarchia e anche dei democristiani che il 2 giugno lasciarono libertà di voto), strenuamente impegnati in una lotta che prese forma nel famoso slogan di Pietro Nenni: “La Costituente o il caos”. E poi, scordandosi l’altra inezia e cioè che il primo presidente dell’Assemblea costituente fu proprio Giuseppe Saragat.

Ma passiamo alla Resistenza in questo 25 aprile un tempo caratterizzato da festose e vocianti cerimonie e ormai purtroppo dimenticato. La Resistenza, si è detto e ripetuto anche durante servizi della Rai, é stata opera di comunisti, di cattolici, di liberaldemocratici. Pare che l’aggettivo “socialista” non si debba più pronunciare. E si continua a compiere una violenza sulla verità storica. Difficile peraltro da sostenere. Cos’era Sandro Pertini, oggi ricordato solo come antifascista e presidente di tutti gli italiani e che un commentatore televisivo, animato da arrogante faziosità, ha recentemente ricordato come “presidente votato dai comunisti”? E cos’era Pietro Nenni che, esiliato in Francia, fu in Spagna al fianco dei repubblicani durante la guerra civile e in un lager nazista perse la sua adorata figlia Vittoria?

E cos’erano mai Corrado Bonfantini con le sue Brigate Matteotti, e Lelio Basso che fu con Rodolfo Morandi tra i dirigenti del Centro Interno? E cos’erano i tanti che crearono in giro per l’Italia brigate partigiane, che combatterono e morirono per la libertà e che erano iscritti e militanti del Partito socialista? Cos’era quell’Augusto Berti, detto Monti, che diresse la resistenza in tutta la montagna della mia provincia e che divenne anche segretario provinciale del Psli e che solo noi abbiamo ricordato? E Riccardo Lombardi, primo prefetto della Liberazione di Milano con Vittorio Craxi suo vice? Salutiamoli tutti questi eroi, che combatterono per la libertà e che, al contrario di altri, non continuarono a sparare dopo la Liberazione. E restiamo orgogliosi, come ebbe modo di dire proprio Lombardi, di una storia “in cui si sono commessi errori, alcuni di cui pentirsi, nessuno dei quali vergognarsi”. Sarà per questo che si tende oggi a rimuoverla?

Inviato da iPad

Angela Merkel bce Berlusconi bersani CGIL crisi Donald Trump elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale Luigi di Maio M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Silvio Berlusconi UE UIL Unione europea USA



Commenti all'articolo
  1. Dire bravissimo al Direttore, forse non basta.
    Si può pensare che proprio dai temi di questo articolo possa proprio ripartire il “Risorgimento socialista” di cui ha bisogno l’Italia?

  2. Ma allora, se il Direttore la vede giusta, viene spontaneo domandarsi perché mai ci si ostini a voler camminare insieme a chi cerca di espropriare il passato dei socialisti, e in ogni caso di “oscuralo”, allo scopo di “esaltare” quello proprio (mi sembra una contraddizione, che parrebbe quasi sfiorare la “sindrome di Stoccolma” per un osservatore esterno).

    In giro, è vero, ci sono sicuramente altri che non sono amici dei socialisti, e che li hanno duramente criticati, e continuano semmai a farlo, ma quantomeno non si sono proposti di rimuoverne la storia (una storia, non certo immune da limiti, difetti, incongruenze, ma comunque “nobile”, che potrà forse ridar fiato ai socialisti, se appunto non ci verrà tolta ed eclissata).

    Paolo B. 26.04.2018

  3. Ma allora, se il Direttore la vede giusta, viene spontaneo domandarsi perché mai ci si ostini a voler camminare insieme a chi cerca di espropriare il passato dei socialisti, e in ogni caso di “oscuralo”, allo scopo di “esaltare” quello proprio (mi sembra una contraddizione, che parrebbe quasi sfiorare la “sindrome di Stoccolma” per un osservatore esterno).

    In giro, è vero, ci sono sicuramente altri che non sono amici dei socialisti, e che li hanno duramente criticati, e continuano semmai a farlo, ma quantomeno non si sono proposti di rimuoverne la storia (una storia, non certo immune da limiti, difetti, incongruenze, ma comunque “nobile”, che potrà forse ridar fiato ai socialisti, se appunto non ci verrà tolta ed eclissata).

    Paolo B. 26.04.2018

Lascia un commento