lunedì, 16 luglio 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Le cinque giornate di Milano; La questione della lingua italiana
Pubblicato il 09-04-2018


I milanesi decisero di non fumare più per colpire duramente le finanze austriache. Poi presero di mira le cantanti e le ballerine austriache, come con la bellissima Fanny Elssler, costretta a lasciare il palco della Scala, subissata dai fischi. Come siamo lontani dalle modalità sanguinose del terrorismo di oggi. Furono quelli i primi segnali organizzati dei patrioti che poi sfociarono nelle Cinque giornate di Milano (18-22 marzo 1848 ). A raccontare in ogni particolare le vicende di quelle settimane è “una vecchia volpe” del giornalismo d’inchiesta,da anni proiettata sulla storia, Alfio Caruso ( “A Milano nasce l’Italia”, Longanesi).

I rivoluzionari milanesi riuscirono a organizzare una ferrea resistenza contro l’occupante austriaco e soprattutto contro l’odiatissimo feldmaresciallo Radestzky, asserragliato nel Castello Sforzesco. Le barricate e le lotte sulle strade durarono, com’è noto, sino alla ritirata degli austriaci. Quelle delle Cinque Giornate fu la prima battaglia di massa di liberazione contro l’occupante straniero: il popolo fu in prima linea, ma anche la borghesia e l’aristocrazia vi parteciparono attivamente. Una rivolta senza capi preordinati, che divise le famiglie ,che alimentò ,forse per la prima volta,le speranze per liberare l’Italia dai troppi despoti,con l’obiettivo di dar vita a un’unica nazione. Di questo importante capitolo del Risorgimento Alfio Caruso ci fornisce un affresco affascinante, ricco di risvolti e aneddoti inediti , Come del resto,è nello stile dell’autore quando ci racconta la storia,da Stalingrado alla Sicilia.

Ci occupiamo adesso della lingua italiana. E’ curioso come negli ultimi tempi si siano intensificati gli studi sulla nostra lingua ,che hanno dato vita a libri di grande interesse. Forse la spiegazione è il crescente imbarbarimento dell’italiano ,forse a causa dei troppi neologismi e dei termini stranieri (soprattutto dell’inglese). Ci ha colpito particolarmente un ampio saggio di Armando Petrucci,”Letteratura italiana: una storia attraverso la scrittura” (Carocci ). In realtà lo studioso (professore emerito della Scuola Normale Superiore) ha raccolto,in oltre 700 pagine ,una consistente parte dei suoi testi scritti in diversi anni, L’autore analizza l’evoluzione della lingua italiana, a partire della scrittura,scrutando con la lente d’ingrandimento la letteratura attraverso i secoli . Quello di Petrucci è un voluminoso saggio riservato prevalentemente agli addetti ai lavori, ma non solo.

Gli studenti troveranno “pepite d’oro” nell’elaborare le loro tesi e i cultori dell’italiano (i puristi in particolare) tante linee di difesa della nostra troppo bistrattata lingua. Ma questa benemerita casa editrice (la Carocci) ha pubblicato di recente altri due titoli che faranno felici gli appassionati cultori della lingua. La prima ha come autore Claudio

Marazzini (professore di storia della lingua italiana all’Università del Piemonte Orientale e presidente della Crusca) con “Breve storia della questione della lingua”. L’autore affronta in forma sintetica tutti i punti oggetto di discussione degli studiosi (la penetrazione dell’inglese,il linguaggio di genere, quello dei giovani,ecc.)

L’autore parte dalle origini,dalla lingua italiana, che deriva,come si sa, dal fiorentino del Trecento,usato da Dante,Petrarca e Boccaccio. E’ per questa ragione che l’italiano ha un grande debito nei confronti del fiorentino,ma via nei secoli ha “assorbito” l’apporto di altre regioni. Anche su questo punto però il dibattito è aperto.

L’altro libro è curioso: “Storia illustrata della lingua italiana”.Gli autori sono due linguisti prestigiosi : Luca Serianni (ha insegnato per oltre trent’anni alla Sapienza storia della lingua italiana) e Lucilla Pizzoli (Accademia della Crusca). Si tratta di un libro riservato al lettore comune,che fa allontanare gli specialisti. Racconta i mille risvolti che nei secoli hanno plasmato ,fatta evolvere ,arricchito una delle lingue più apprezzate nel mondo,anche se non ha la diffusione di altre.

Aldo Forbice

Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Silvio Berlusconi siria UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento