lunedì, 16 luglio 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Mediaset cancella programmi in linea con M5S
Pubblicato il 13-04-2018


belpietro berlusconi giordanoMediaset riprende in mano le redini di un palinsesto che, secondo alcune voci, avrebbe favorito e dato adito alla propaganda ‘populista’ del Movimento Cinque Stelle, ma anche degli alleati che hanno superato i forzisti, i leghisti.
“A partire da ora, Mario Giordano non è più responsabile del programma. Il nuovo responsabile è Marcello Vinonuovo”, così fa sapere il Direttore Generale Informazione di Mediaset, Mauro Crippa. Il programma “Stasera Italia”, al contrario di quanto sperato, non ha cambiato registro è rimasto troppo urlato e ‘populista’.
Mario Giordano, direttore di Rete 4, è la terza testa che salta dopo la cacciata di Paolo Del Debbio (non riconfermato) e Maurizio Belpietro (rimosso). Ma le accuse vengono rigettate da Crippa, ad esempio sulla rimozione di Belpietro afferma: “È uno dei più brillanti giornalisti italiani nonché collaboratore stimatissimo di Mediaset da 12 anni fa parte della nostra scuderia al 100 per cento, sicuramente tornerà nella prossima stagione con un nuovo progetto di cui cominceremo a parlarne tra qualche giorno”.
La spiegazione data ufficialmente potrebbe essere soltanto quella di un Auditel troppo basso, ma i dubbi al riguardo restano e sappiamo bene quanto l’ex Cavaliere abbia sempre puntato sulla comunicazione e sulla propaganda televisiva. Tutti ricordano il cosiddetto “Editto Bulgaro”, quando Silvio Berlusconi, allora Presidente del Consiglio, sottolineò un «uso criminoso» della tv pubblica da parte dei giornalisti Enzo Biagi e Michele Santoro e dal comico Daniele Luttazzi.

Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Silvio Berlusconi siria UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento