lunedì, 15 ottobre 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Scrive Celso Vassalini:
Accordo M5S-Pd? Sarebbe grave errore strategico
Pubblicato il 24-04-2018


Egregio Direttore,
Il presidente M5s della Camera Sig. Roberto Fico ha ricevuto dal presidente della Repubblica Sergio Mattarella un mandato esplorativo per verificare entro giovedì l’esistenza di una maggioranza di governo tra Pd e M5s.

Ribadisco e mi spiace: si tratterebbe di un grave errore strategico. Il Movimento 5 Stelle è un’azienda della specie più arcaica, è sessista e antisindacale, flirta con il peggior razzismo ed è vicino al popolo solo per la sua capacità di servirsene usando strumentalmente la sua rabbia, quindi non è alleato politico del PD. Rappresenta la destra più della Lega. Aver sbagliato non ci deve spingere a far peggio. Gli italiani hanno scelto e non hanno scelto il PD. Per non parlare delle conseguenze tattiche: essere responsabili dal 2011 ci ha portati ad essere colpevoli. Sarebbe peggio con i 5 Stelle. E scrivo questo senza considerare il quotidiano cannoneggiamento subito da cinque anni da tutti noi e senza la minima considerazione del rispetto delle idee altrui. No. E con convinzione.
Penso che si piò essere responsabili anche in modo diverso da quello di formare un governo coi 5 stelle….. lasciamoli governare da soli, permettiamogli di iniziare, stando tra i banchi dell’opposizione però…un opposizione attenta e costruttiva, capace di approvare ciò che secondo noi va approvato, di correggere ciò che va corretto ma anche capace di dire di NO senza essere condizionata dalla prospettiva di una caduta del governo stesso.

Da una poesia di Giuseppe Calzoni. “Poi spuntò l’alba. Ed era il 25 aprile. La Resistenza italiana”. Un viaggio nella lotta di Liberazione.

Celso Vassalini

Angela Merkel bce Berlusconi bersani CGIL crisi Donald Trump elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale Luigi di Maio M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Sergio Mattarella Silvio Berlusconi UE UIL Unione europea USA



Commenti all'articolo
  1. Sulle possibili alleanze per la eventuale formazione del nuovo Governo io mi sto chiedendo come la pensi la dirigenza del PSI e la sua rappresentanza parlamentare, perché, salvo una mia svista di cui mi scuserei fin da ora, non mi pare di aver letto o ascoltato pronunciamenti in proposito (né mi sembra di averli trovati su queste pagine).

    E’ vero che, in politica, quando non si ha forza numerica si diviene irrilevanti o quasi, riguardo alle decisioni da prendere, nel senso che prevalgono di fatto le formazioni maggiori, ma ciò non toglie che si possano avere le proprie idee e proposte, anzi può essere proprio il modo per “valorizzarsi”, se quanto si dice dovesse risultare credibile ed apprezzato.

    Paolo B. 26.04.2018

Lascia un commento