venerdì, 20 aprile 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Scrive Manfredi Villani:  
Attacco in Siria, pregiudizio apodittico
Pubblicato il 16-04-2018


Il segretario generale dell’ONU,Antonio Guterres,già primo ministro socialista del Portogallo,ha ricordato nel Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite ,dopo il raid del 13 aprile 2018 deciso dagli USA,con l’appoggio di Francia e Gran Bretagna che la Siria è un Paese vittima di potenze straniere.Il Presidente Trump ha twittato”Missione compiuta”,senza vergognarsi che la sua iniziativa goliardesca d’attacco è un pregiudizio apodittico.Per la Russia l’attacco è “aggressione”. La Siria sta pagando le alleanze regionali e gli interessi all’occidente. Siamo in presenza di un obbligo che esiste e va rispettato come si debba agire coerentemente con la Carta dell’ONU e con il diritto internazionale.I bombardamenti in Siria,perpetrati con missili ed aerei,hanno colpito nella notte di venerdì laboratori di produzione di armi chimiche e depositi di armi non convenzionali nelle regioni di Damasco e Homs. L’attacco è avvenuto proprio mentre stava per iniziare in Siria la missione degli ispettori dell’ONU chiamati ad indagare sull’uso delle armi chimiche attribuito al regime di Damasco. Siamo in presenza della manifestazione di potere dell’Occidente-che alimenta il commercio delle armi-e degli alleati sauditi nella regione perchè sarebbe assurdo che la Siria usi armi letali proprio mentre il suo esercito ha riconquistatola regione di Ghouta. In effetti l’attacco contro obiettivi militari in Siria è sbagliato perchè non cambia niente. La Russia aveva assunto l’impegno formale ad occuparsi dello smantellamento dell’arsenale chimico siriano.Il pregiudizio ha portato a fare anche la Francia e la Gran Bretagna a fare un gesto molto rischioso che avrebbe potuto alimentare altre possibili escalation.Comunque scopriamo le prime polemiche negli USA in quanto Trump avrebbe sferrato l’attacco alla Siria senza ottenere prima un’autorizzazione del Congresso,violando così la Costituzione americana.

Manfredi Villani

Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Silvio Berlusconi siria UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento