lunedì, 15 ottobre 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Scrive Rino Capezzuoli:
Io, vecchio socialista, e i giovani
Pubblicato il 20-04-2018


Gent.le direttore,

ho letto con attenzione la lettera dei giovani e la sua risposta e vorrei dare, da vecchio socialista, il mio contributo facendo alcune osservazioni: 1) I giovani di oggi per colpa nostra non conoscono le proprie radici e neppure la storia delle nostre comunità. 2) Da questo ne deriva che sanno solo adoperare gli smartphon ed “apparire” come se questa fosse la politica. 3) Hanno perso il piacere di confrontarsi e la tolleranza verso il diverso. 4) Non riescono ad affrontare il futuro e l’innovazione tecnologica come comunità. 5) Per cui oggi ci troviamo con una classe dirigente di “dilettanti allo sbaraglio” poiché hanno sostituito le ideologie con il nulla ed il superfluo. 6) Non hanno le necessità di sopravvivenza che ha avuto la nostra generazione, credono che il mondo sia bianco o nero ed invece è grigio cioè di un colore che non vogliono comprendere, non capendo e che solo attraverso il grigio si può andare verso il bianco od il nero e che non si può indifferentemente passare dall’uno all’altro.

Non voglio essere pessimista ed ho fiducia nei giovani ma prima di chiedere posti “solo” per il proprio interesse personale o per apparire devono fare un po’ di gavetta ed essere eletti per ciò che fanno nelle proprie comunità (questo vale anche per il membro della segreteria provinciale del Psi fiorentino di cui si attende da tempo che batta un colpo sul territorio in cui vive.)

Ultima cosa caro direttore si potrà ripartire solo con una grande azione di attività culturale e di ripresa politica dai territori ed è su questo che noi vecchi ci dobbiamo impegnare e non sui posti o le cariche. Cercando di far comprendere idee e radici fondanti dell’essere socialisti.

Rino Capezzuoli

Angela Merkel bce Berlusconi bersani CGIL crisi Donald Trump elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale Luigi di Maio M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Sergio Mattarella Silvio Berlusconi UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento