sabato, 20 ottobre 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

40 anni dalla 194. Locatelli: “C’è ancora da lottare”
Pubblicato il 22-05-2018


194Quarant’anni e non sentirli. La legge 194 che ha decriminalizzato e disciplinato le modalità di accesso all’aborto è ancora sotto attacco. Dopo l’approvazione il 22 maggio 1978 la 194, già nel maggio del 1981 viene sottoposta a voto referendario dal quale esce, per fortuna, indenne.
Il Psi, insieme agli altri partiti laici, soprattutto i Radicali, condusse una vera e propria battaglia per poter riconoscere il diritto per le donne all’interruzione volontaria di gravidanza. Già nel 1971, il 7 giugno, viene presentato il primo progetto di legge dai senatori socialisti Arialdo Banfi, Piero Guido Caleffi e Giorgio Fenoaltea. Ad ottobre viene presentato alla camera, sempre a firma socialista, un altro progetto. Ma le due proposte non vennero nemmeno discusse. In particolare si vide negli anni a venire un braccio di ferro tra la Dc e il Pci, quest’ultimi spaventati dal rinvigorimento dei socialisti e dei Radicali dopo il referendum sul divorzio.
In quegli stessi anni due donne socialiste si distinsero per le continue battaglie per le donne e l’interruzione volontaria di gravidanza, Margherita Boniver, che fece da raccordo e dialogò continuamente con i movimenti femministi e Maria Magnani Noya, avvocato penalista ricordata soprattutto per il suo impegno per il nuovo diritto di famiglia.
“Il principio dell’autodeterminazione della donna è irrinunciabile”, ha affermato Pia Locatelli, Presidente Onoraria dell’Internazionale Socialista Donne e sulla legge 194 dice: “Va difesa, ma implementata. Ad oggi non è stata fatta alcuna prevenzione in tal senso”, e aggiunge: “Il principio di obiezione va difeso, ma sta creando un circolo vizioso di problemi, l’aumento della percentuale di obiettori fa sì che gli unici medici a non esserlo finiscano con il praticare solo aborti, portando molti di loro a dichiararsi obiettori”. Poi spiega che “il solo che ha tentato di far fronte a queste criticità è stato Zingaretti con bandi appositi per garantire questo diritto alle donne”.
Pia Locatelli ha anche fatto sapere che oggi parteciperà alla manifestazione a Bergamo per difendere la 194 (Via XX settembre – spazio Regione).

Aborto. Pisani (Portavoce Psi), si applichi la l.194, garantire negli ospedali medici non obiettori con un albo pubblico

“Oggi – ha aggiunto la portavoce del Psi, Maria Cristina Pisani – ricorrono esattamente 40 anni della 194 eppure il rischio di una mancata applicazione della legge stessa, dovuta soprattutto all’altissimo numero di medici e paramedici obiettori di coscienza che in alcune regioni raggiunge quasi il 100%, è altissimo. Per questo – ha detto ancora – dobbiamo continuare a chiedere una applicazione completa e appropriata della 194, per sensibilizzare l’opinione pubblica su alcuni temi quali la contraccezione gratuita e l’aborto farmacologico, per garantire nei nostri ospedali pubblici la presenza di almeno un 50% di non obiettori creando un albo pubblico, per l’elaborazione di una legge quadro che definisca e regolamenti l’obiezione di coscienza, derogando al blocco dei turnover nelle Regioni dove i servizi di interruzione volontaria di gravidanza sono scoperti”.

La portavoce del Psi ha ricordato che “proprio nei giorni passati sui muri di Roma e di altre città sono apparsi manifesti che attribuiscono i femminicidi alla libera scelta della donna di interrompere una gravidanza. Come Psi contrasteremo con ogni azione campagne discriminatorie e lesive dell’immagine della donna e dei suoi diritti, tra cui quello di scegliere liberamente sul proprio corpo” – ha concluso Pisani.

Roma, 22 maggio 2018

Angela Merkel bce Berlusconi bersani CGIL crisi Donald Trump elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale Luigi di Maio M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Sergio Mattarella Silvio Berlusconi UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento