sabato, 26 maggio 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

CALENDA SALVA TUTTI
Pubblicato il 15-05-2018


carlo-calenda (1)Carlo Calenda ha mantenuto gli impegni nei confronti dei lavoratori Embraco e oggi ha annunciato che gli operai nel torinese manterranno “stessi diritti e stressa retribuzione”. Il ministro dello Sviluppo economico al termine dell’incontro al ministero con le due società che si occuperanno della reindustrializzazione del sito ha assicurato:
“Oggi sono stati presentati ai sindacati i progetti delle due aziende che investiranno nell’ex Embraco riprendendo tutti i lavoratori con gli stessi diritti e le stesse retribuzioni, senza nessun supporto di denaro pubblico”. “È un accordo – ha spiegato – fra le due parti dove in questo momento Invitalia non ha un ruolo: se ci fossero problemi con queste due società, speriamo di no, è pronta ad aprire il paracadute ma mi pare che siamo sulla strada giusta”, ha aggiunto Calenda.

Le due aziende sono la Venture Productions, israeliana con capitale cinese, che punta a produrre robot e droni per la pulizia di pannelli fotovoltaici e filtri per l’acqua e che dovrebbe occupare 370 lavoratori, mentre la seconda è la torinese Astelav, che si occupa della rigenerazione di frigoriferi usati e che dovrebbe occupare in un primo tempo 30 lavoratori e poi successivamente altri 10. Mentre 70 addetti, invece, dovrebbero lasciare l’azienda grazie agli incentivi offerti da Embraco. Calenda, nel ribadire che “non sono stati usati soldi pubblici”, sottolinea che sarà usata “la dote che Whirpool-Embraco ha messo a disposizione per i lavoratori”. Le parti, rileva ancora il ministro, “si vedranno venerdì all’Unione industriale di Torino per definire il dettaglio del passaggio”.
Si attende quindi il fine settimana per la firma, nel frattempo oggi le due aziende hanno presentato ai sindacati i progetti futuri, garantendo gli stessi diritti e gli stessi emolumenti. Le sigle sindacali si sono dette infatti soddisfatte dell’incontro.
“Stamattina abbiamo finalmente conosciuto le due aziende che si insedieranno, ci sono stati presentati i progetti che sembrano interessanti ma bisognerà poi valutare nella concretezza dei quello che succederà”, spiega Ugo Bolognesi della Fiom di Torino. “È una giornata importante per tutti i lavoratori che stavano perdendo il posto di lavoro – aggiunge Arcangelo Montemarano, della Fim Cisl – Sono due società che hanno progetti ambiziosi e seri”. I tempi, rileva Dario Basso della Uilm di Torino, “sono abbastanza contingentati nel senso che l’azienda israeliana ha la necessità di iniziare a produrre molto presto e di assumere circa 370 persone e a regime l’interezza dei lavoratori che rimarrebbero in esubero. Anche Astelav, che ha anche la necessità di produrre subito, prevede di assumere prima 30 e poi 10 lavoratori”.  “Abbiamo trovato insieme la volontà di traguardare il problema – conclude Basso – questo può essere da esempio”.
“Oggi al ministero dello Sviluppo economico è stato compiuto un significativo passo in avanti, entrando nel merito delle soluzioni operative che riguardano il piano di re-industrializzazione del sito produttivo di Riva di Chieri”, commenta l’assessora al Lavoro Gianna Pentenero. “Mi pare – aggiunge – ci siano tutte le condizioni perché l’accordo si chiuda positivamente”.

Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Silvio Berlusconi siria UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento