giovedì, 18 ottobre 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Contrordine. Ecco il governo legastellato
Pubblicato il 31-05-2018


Prima non poteva decollare senza Savona all’Economia. Anzi Mattarella aveva fatto un golpe perché “chi ha vinto le elezioni deve governare” anche a prescindere dal fatto che in campagna elettorale i due presunti vincitori si erano presentati in collocazioni alternative. E senza considerare che una democrazia si regge su pesi e contrappesi e chi ha vinto non ha il diritto di ledere gli equilibri su cui poggia la nostra Costituzione, quali quelli esercitati dal capo dello stato secondo l’articolo 92 e quelli che sono garantiti dagli organi di controllo, in primis la Corte costituzionale.

Contrordine. Adesso si può fare. Mattarella non é più golpista, contro di lui non si agita più lo spettro dello stato d’accusa, non si muovono le piazze con bandiere tricolori, prima sostituite da quelle verdi. Nessuno chiede più le dimissioni del presidente della Repubblica, come avevano fatto maldestramente i vari Belpietro e giornalisti spazzatura alla Cruciani. Tutte le nuvole d’incanto si sono diradate. Bastava offrire a Salvini lo spostamento di Savona dall’Economia ai Rapporti con l’Europa? Prima nessuno ci aveva pensato? Non diciamo stupidaggini. Salvini voleva le elezioni e di Savona non sapeva che farsene. Come dargli torto coi sondaggi che lo davano al 25-27 per cento.

Non gli é stato consentito da Di Maio che contrariamente a Salvini avrebbe dovuto affrontare due crisi: quella del suo movimento, dato da tutti in netta perdita, e quello suo personale, per gli errori compiuti in questa crisi che gli sarebbero potuti costare la leadership dei Cinque stelle. La rottura tra Di Maio e Salvini é stata giocata abilmente dal presidente della Repubblica il cui fondamentale intendimento era quello di evitare il ricorso alle urne senza ritirare il suo veto a Paolo Savona come ministro dell’Economia. Salvini ha dovuto cedere perché Di Maio non solo non l’appoggiava nel suo irrituale irrigidimento (per la verità il suo appoggio non glielo aveva assicurato nemmeno una settimana fa) ma avrebbe preso da lui pubblicamente e definitivamente le distanze sul piano politico.

Questo, così, é il primo governo che nasce grazie a una rottura. Oltre che ad una condotta irrazionale e inconcepibile. Ciò che sembrava inaccettabile pochi giorni fa si é rivelato accettabile. Savona entra nell’Esecutivo con un ministero minore e all’Economia, dove Mattarella avrebbe accettato anche il numero due della Lega, e cioè Giorgetti, va un tecnico, Giovanni Tria, professore universitario come Conte, un altro Carneade, mentre l’ex montiano Moavero finisce agli Esteri. Alla faccia del nuovo. La commedia é finita. Inizierà il dramma? Mi auguro di no, ma il cosiddetto contratto (il termine non a caso ci porta a Rousseau, che non é solo una piattaforma, ma un filosofo pre romantico) é denso di incognite coi suoi 120-140 miliardi di maggiori spese correnti.

Noi dovremo sviluppare la nostra ferma opposizione al governo sovranista con una proposta di europeismo riformatore e progressista. Questo assieme alle forze socialiste, liberalsocialiste, ma anche popolari e liberali, che esistono in Europa e in Italia. Il nostro Paese, nel novecento europeo, é stato il primo a conoscere la dittatura, prima della Germania, della Spagna, del Portogallo, dell’Austria, dell’Ungheria. Nel duemila l’Italia è il primo paese a mandare al governo i sovranisti che in tutta Europa vengono concepiti come la nuova destra. Non a caso il referente di Salvini é la Le Pen e quello di Di Maio Farage. Noi dovremo creare, e credo che il tempo non ci mancherà, la nuova alleanza o concentrazione repubblicana per la difesa dell’Italia democratica ed europeista. È un compito importante che deve vedere i socialisti in prima fila, senza tentennamenti, dubbi o complessi. Se c’è un momento storico giusto per affermare i nostri valori eccolo, è arrivato.

Angela Merkel bce Berlusconi bersani CGIL crisi Donald Trump elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale Luigi di Maio M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Sergio Mattarella Silvio Berlusconi UE UIL Unione europea USA



Commenti all'articolo
  1. Chi sta all’opposisizione ha naturalmente tutto il diritto di cotrapporsi, anche in modo duro, al Governo delle forze concorrenti, ma eviterei di insistere su populismo, sovranismo, fascismo, razzismo…., e mi dissocerei se altri volessero andare su questa strada, vuoi perche’ sembrerebbe essere controproducente stando all’esito delle urne, vuoi perche’ cosi’ facendo parrebbe volersi fare dell’avversario politico un nemico, semmai demonizzabile, tattica che abbiamo visto ripetersi in questi decenni, e i socialisti ne hanno pagato a suo tempo le conseguenze, e ne portano tuttora i segni.

    Se si vuole esser visti come realistica alternativa, punterei piuttosto alle questioni concrete, misurandomi proprio su queste, e in campo fiscale, per fare un esempio, non mi limiterei a dire, in una sorta di ritornello, che la flat tax sarebbe una “sciagura” per le casse pubbliche ma, dal momento che tutti concordono sulla necessita’ di abbassare il livello di tassazione, avanzerei proposte concrete e puntuali al riguardo, che finora non mi sembra di aver letto o ascoltato (salvo mie eventuali sviste).

    Paolo B. 01.06.2018

Lascia un commento