domenica, 23 settembre 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Disagio sociale in aumento. Gli Italiani sono più poveri
Pubblicato il 03-05-2018


EVIDENZA-Povertà-Italia-ISTAT

Dall’Outlook Italia 2018 a cura di Confcommercio e Censis emerge il quadro dove gli italiani sono più poveri. Dall’indagine fatta, in dieci anni sono andati in fumo 20mila euro di ricchezza pro capite. Tra il 2007 e il 2018 i consumi si sono ridotti di mille euro a testa, mentre il reddito disponibile si è ridotto di quasi duemila euro e la ricchezza finanziaria di 9mila euro. La ricchezza immobiliare è diminuita di più di 11mila euro a persona.

La fiducia delle famiglie, negli ultimi due anni, è risultata stazionaria o in moderato calo, e questo non è un buon viatico per il consolidamento della ripresa che mostra segnali di debolezza, come ha spiegato il responsabile dell’Ufficio Studi di Confcommercio, Mariano Bella.

Dal 2013 al marzo del 2018 è aumentata la quota delle famiglie che ha visto diminuire la propria capacità di spesa soprattutto a causa dell’incidenza delle spese obbligate (affitti, bollette etc.) e dell’incertezza sul futuro che ha indotto molti a mettere da parte i soldi per eventuali imprevisti.

Tra i più gravi problemi del Paese, quasi 3 italiani su 10 (il 29,1%) indicano la mancanza di lavoro, seguita dall’evasione fiscale (16,2%) e dall’eccessivo prelievo fiscale (13,3%). Povertà e immigrazione si collocano, invece, in fondo alla lista delle criticità.

Quanto al carico fiscale, la metà degli italiani ritiene più urgente evitare l’aumento dell’Iva (55,7% donne e 48,2% uomini), e poi ridurre l’Irpef e le tasse sulla casa.

Le maggiori ingiustizie sociali si verificano, per il 37% degli italiani, nell’accesso ad un buon lavoro garantito oggi solo a chi è in possesso delle ‘conoscenze giuste’. Il 24,8% indica, invece, l’accesso ai servizi pubblici, dalla sanità all’istruzione, che sono di buona qualità in alcune aree del Paese e pessime in altre. Il 16,1%, infine, punta il dito contro l’accesso al reddito giudicandolo molto alto per pochi privilegiati e sotto il livello di sopravvivenza per troppe persone.

Appare chiaro dall’indagine di Confcommercio e Censis che gli italiani vorrebbero una maggiore giustizia sociale ed una maggiore distribuzione della ricchezza.

Salvatore Rondello

Angela Merkel bce Berlusconi bersani CGIL crisi Donald Trump elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale Luigi di Maio M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Silvio Berlusconi UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento