domenica, 19 agosto 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Fucilazioni di massa a Gaza
Pubblicato il 15-05-2018


La violenza che sta interessando la striscia di Gaza non lascia stupiti; da tempo andava preparandosi l’ennesimo bagno di sangue, visto che le condizioni all’interno della Striscia somigliano, ormai da molti anni, a quelle di un grande campo di prigionia a cielo aperto.

Quello che davvero lascia stupiti, invece, è il racconto degli eventi delle ultime ore: le testate nazionali e internazionali continuano a parlare di scontri, rivolte spingendosi addirittura a ricalcare le parole dell’ufficio propaganda delle Forze Armate israeliane che parla di “provocazione” di Hamas.

La realtà sul terreno è molto diversa e le parole che dovrebbero descriverla hanno un peso. Quello che si consuma a Gaza in queste ore ha un nome preciso e ogni tentativo di utilizzare acrobatici eufemismi non rende giustizia alla verità dei fatti: si tratta di fucilazioni di massa di manifestanti che cercano di raggiungere la barriera che circonda le loro vite strozzandole economicamente, politicamente, culturalmente e socialmente. Non è un caso se poi si affermano le forze più estremiste.

In nessuno Stato che vuole definirsi democratico può essere ammissibile sparare a decine di manifestanti per il solo “reato” di essersi avvicinati troppo ad una barriera peraltro invalicabile, controllata da sensori in ogni punto e composta da due grate difensive intervallate da un buffer zone pattugliata da mezzi corazzati. Far passare questo anche per una minaccia è un insulto all’intelligenza.

Angela Merkel bce Berlusconi bersani CGIL crisi Donald Trump elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale Luigi di Maio M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Silvio Berlusconi UE UIL Unione europea USA



Commenti all'articolo

Lascia un commento