giovedì, 13 dicembre 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Morti sul lavoro. Furlan: “Un bollettino di guerra”
Pubblicato il 21-05-2018


furlan 2

Pesano i 13mila morti sul lavoro di questi ultimi dieci anni. Nel 2018 si sono contate 160 vittime ma quando leggerete questa intervista con Annamaria Furlan, segretario generale della Cisl, potrebbero essere aumentate perché ci troviamo di fronte a una ininterrotta scia di sangue, come ha fatto notare la stessa Furlan a Prato in occasione della manifestazione del Primo Maggio.

Annamaria Furlan ha iniziato la sua carriera nella Cisl dal settore dei postelegrafonici di Genova, sua città natale. Dal 2002 al 2014 è stata segretario confederale della Cisl per il settore del terziario e i servizi. Il 24 giugno 2014 viene eletta segretario generale aggiunto. Nell’ottobre dello stesso anno è eletta quasi all’unanimità nuovo segretario generale della Cisl.

Partiamo dal recente Primo Maggio, da una Festa del lavoro che con lo slogan “Sicurezza: il cuore del lavoro” ha messo in evidenza le morti bianche, i 13mila morti sul lavoro negli ultimi dieci anni. Siamo di fronte a un’emergenza nazionale non dichiarata e di cui si preferisce dare la colpa al destino?
Non possiamo assistere ogni giorno a questo bollettino di guerra, a questa carneficina nell’indifferenza delle istituzioni e di quanti hanno responsabilità sul tema della sicurezza e della tutela della salute. Lo abbiamo detto con chiarezza: ora basta. Serve una mobilitazione sociale, civile e culturale di tutto il paese. Non basta solo indignarsi o denunciare l’inosservanza delle norme di legge, i regolamenti ed i contratti. La Cisl non farà sconti a nessuno finché non avremo più sicurezza e rispetto per la vita in tutti i luoghi di lavoro.

La sicurezza sui luoghi di lavoro sembra sia quasi un optional invece che un obbligo di legge e direi anche morale. Che cosa ha causato questa nuova filosofia e come invertire la rotta?
Non si può parlare di fatalità. Nel nostro paese ogni giorno in media tre persone muoiono sul lavoro. Il 10% sono stranieri, soprattutto edili, operai dei porti, della logistica, della chimica, dei servizi, delle aziende agroalimentari, giovani ed anziani. Una lenta morte collettiva, silenziosa, incrementata dalla precarietà, dai mancati investimenti in sicurezza, dall’omissione di controlli. Spesso in nome del profitto ottenuto sulla pelle dei lavoratori. E’ evidente che le imprese grandi e piccole sono chiamate oggi ad un ruolo di grande responsabilità. Devono investire in nuovi macchinari più sicuri, rendere i luoghi di lavoro sempre meno vulnerabili agli incidenti ed alle malattie professionali. Ed anche il sindacato deve fare di più: denunciare gli appalti al ribasso, l’eccesso di esternalizzazioni, pretendere il rispetto integrale di tutte le norme sulla sicurezza.

C’è anche un Testo unico sulla sicurezza nei luoghi di lavoro, che risale a dieci anni fa. E’ ancora attuale o avrebbe bisogno di qualche ritocco per adeguarlo alle nuove tipologie che sono sorte e che stanno sorgendo quasi ogni giorno?
Le norme ci sono ma è chiaro che vanno adeguate alle nuove tipologie di lavoro. Penso per esempio a quei giovani lavoratori della “gig economy” che oggi  sono sottopagati e senza alcuna tutela. Stiamo mettendo a punto una serie di proposte tra le quali quella di costruire tutele mutualistiche ed integrative che aumentino le coperture previdenziali, infortunistiche e sociali per chi lavora alle dipendenze di una app. Il sistema va cambiato con norme legislative chiare, con le giuste garanzie della contrattazione tra azienda e sindacati, con più partecipazione e protagonismo dei lavoratori nelle scelte delle imprese. C’e’ bisogno di vincoli, garanzie, di discutere sui carichi eccessivi di lavoro e di straordinari, contrattare il lavoro festivo e domenicale, eliminare o ridurre al minimo i rischi per la salute. E’ anche un problema culturale, di rispetto per la dignità del lavoro che va difeso in questa società sempre più globalizzata ed individualista, come spesso ci ricorda Papa Francesco.

La Cisl sta per compiere 70 anni. Diventerà un dopolavoro per pensionati oppure sta procedendo a ringiovanire iscritti e dirigenti? Che spazio hanno già oggi i giovani nella Cisl?
Abbiamo cambiato molto la Cisl in questi ultimi tre anni, applicando concretamente il nostro principio della “leadership diffusa”, spostando nei  luoghi di lavoro e nel territorio il baricentro della nostra azione sindacale. I nostri iscritti sono oggi in maggioranza lavoratori attivi, con una presenza di tanti giovani delegati di base in tutte le categorie private e pubbliche. Ogni qualvolta si vota nei luoghi di lavoro per il rinnovo delle rsu, il sindacato confederale raccoglie circa l’80 per cento dei consensi, con una grande crescita della Cisl in tutti i settori. E’ chiaro che dobbiamo fare di più per intercettare i giovani e rappresentare i loro bisogni, con un vero patto intergenerazionale che veda giovani ed anziani concorrere al bene comune del paese. Ma e’ una caricatura dire che noi rappresentiamo solo pensionati, che tra l’altro sono una categoria importante e meritano tutto il nostro rispetto ed una maggiore considerazione della politica e della società italiana per quello che hanno dato e continuano a dare  al nostro paese.

C’è veramente la ripresa economica? La locomotiva Italia sta tornando a correre oppure si intravedono già ostacoli all’orizzonte?
Indubbiamente ci sono dei segnali di crescita dell’economia e dell’occupazione, frutto anche dei sacrifici che hanno fatto i lavoratori italiani in questi anni. Ma i punti perduti e da recuperare sia nella produzione industriale sia sul piano del lavoro sono ancora tanti. Per questo abbiamo bisogno di un governo autorevole anche sul piano internazionale che metta al centro seriamente i temi della crescita, del lavoro e della sua sicurezza. Non si governa con gli slogan o con le proposte velleitarie. Ci vogliono seri investimenti pubblici ed una politica fiscale in grado di  irrobustire la domanda interna per dare stabilità strutturale alla crescita. Ma serve anche un sostegno alla povertà con maggiori risorse al Reddito di inclusione, e sopratutto politiche attive del lavoro, potenziare i Centri per l’impiego con risorse adeguate, attivare strumenti per gestire le crisi aziendali. Occorre accelerare i percorsi che collegano strutturalmente scuola e lavoro. Investire nella formazione e nelle risorse umane è oggi la carta vincente anche alla luce delle continue trasformazioni tecnologiche e digitali che investono anche il  mondo del lavoro.

Ripresa o no, lo storico divario tra Nord e Sud si sta allargando. Come mai? E come invertire la rotta?
Il mezzogiorno rimane per noi una questione centrale. Purtroppo non c’è traccia di questo nel programma di Lega e Cinque Stelle. Un Sud recuperato allo sviluppo, infatti, rappresenta la più grande opportunità di riscatto nazionale. Coniugare politiche industriali a sostegno sociale, tutela del lavoro a crescita produttiva, investimenti a buona qualità della spesa, formazione ad innovazione, trasparenza a legalità: queste sono le accoppiate vincenti per tornare a parlare di crescita ed evitare che ogni anno circa 200mila giovani abbandonino il Sud per cercare fortuna altrove. Non possiamo più permettere questa emorragia culturale che si traduce anche in una perdita economica calcolata in circa 1 miliardo l’anno. Abbiamo oggi il dovere di investire sul protagonismo del meridione, dei suoi lavoratori e imprenditori, dei suoi giovani, delle sue donne, sostenendo una ripresa produttiva che lo trasformi in motore trainante del Paese.

Quali sono le proposte della Cisl per combattere la disoccupazione giovanile, soprattutto quella femminile?
Anche qui bisogna uscire dagli slogan demagogici e costruire azioni concrete a favore del lavoro stabile dei giovani che può arrivare solo se si favoriscono gli investimenti. Gli sgravi e la decontribuzione strutturale possono sicuramente favorire le assunzioni ma occorre anche il potenziamento dell’apprendistato duale e far partire una vera alternanza scuola-lavoro che in altri paesi europei funziona benissimo. Ecco perché speriamo che il nuovo Governo metta davvero tra i punti programmatici il rilancio delle politiche attive del lavoro, studiare insieme alle parti sociali sgravi fiscali specifici per chi assume donne lavoratrici, porre le basi per una migliore conciliazione tra cura della famiglia ed occupazione. Non è vero che il lavoro delle donne va a scapito della famiglia. E’ vero semmai il contrario: il lavoro è lo strumento per sostenere concretamente la formazione di giovani nuclei familiari. Sarebbe davvero un segnale importante se tutte le donne elette nel nostro Parlamento si battessero unite, senza distinzione ideologiche o di partito, insieme al sindacato ed alle Associazioni del Forum della Famiglie, per un vero “patto per la natalità” nel nostro paese.

Sempre a proposito di donne, c’è la questione dei salari più bassi rispetto agli uomini. Come riequilibrarli?
Bisogna fare ancora tanto sul piano delle pari opportunità. Le politiche di conciliazione e di pari opportunità, così come pensate ed attuate oggi, non sono in grado di garantire un reale sostegno alle donne ed al tempo stesso all’economia del paese. La parità di retribuzione tra uomo e donna sarebbe il più grande stimolo alla ripresa e solleverebbe milioni di donne dalla povertà. Eliminerebbe di fatto un’altra disparità, direttamente collegata alla prima: il gap pensionistico che vede nel nostro Paese le donne percepire un assegno di pensione inferiore di circa il 30% rispetto a quello degli uomini. Le donne sono quelle che hanno un lavoro più discontinuo, più precario e fanno più fatica a fare carriera. Se anche chi si assenta per maternità o effettua orari a part time per la cura dei figli non venisse considerato come spesso accade una lavoratrice residuale ma una risorsa su cui continuare ad investire, si attenuerebbero i differenziali ingiustificati dei salari. Il 12% della forza lavoro in Italia è costretta ad un lavoro part time in modo involontario. E si tratta per lo più di donne per le quali servirebbero nuove politiche di rafforzamento occupazionale o di integrazione salariale se costrette a orari settimanali troppo bassi vicini alla quasi disoccupazione.

Cosa si può fare per affrontare questo problema?
Dobbiamo garantire alle donne che lavorano reali politiche attive di valorizzazione e di promozione. Più sviluppo professionale anche a chi come le donne deve in molti momenti della vita conciliare il lavoro con la cura delle persone. La Cisl con i contratti sta puntando molto sul welfare aziendale negoziando cose concrete: assistenza sanitaria integrativa, bonus economici per ogni bambino nato, nidi aziendali, una maggior flessibilità dell’orario di lavoro, più telelavoro, più formazione. Ma anche lo Stato dovrebbe fare di più con interventi fiscali mirati per ridurre il divario salariale tra uomini e donne, come fanno altri paesi europei. Su questo siamo molto, molto in ritardo.

Antonio Salvatore Sassu

Angela Merkel bce Berlusconi bersani CGIL crisi Donald Trump elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale Luigi di Maio M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Sergio Mattarella Silvio Berlusconi UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento