domenica, 23 settembre 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Gig Economy. Fattorino di Just Eat perde la gamba
Pubblicato il 18-05-2018


tram milanoL’Italia di questi anni non si contraddistingue solo per i numerosissimi casi di morti sul lavoro, ma anche per gli incidenti di persone senza diritti che fanno i cosiddetti “lavoretti”. È la gig economy, l’economia dei lavoretti che si regge su prestazioni occasionali, pagate a cottimo e senza vincoli contrattuali.
Un ragazzo di 28 anni, un fattorino del servizio di spedizione pasti Just Eat, è stato travolto da un tram mentre era alla guida di uno scooter: i medici sono stati costretti ad amputargli una gamba dal ginocchio in giù.
Il giovane è scivolato con il suo scooter sotto un tram mentre stava cercando di superarne un altro. L’incidente è avvenuto ieri intorno alle 14.30 in via Montegani a Milano all’angolo con piazza Abbiategrasso.
Sull’incidente di Milano ha fatto sentire la propria voce la Cgil. “Purtroppo sapevamo che era questione di tempo e purtroppo è successo. Un grave infortunio per un rider che consegna cibo nelle nostre case. Bisogna puntare il dito contro questo modello fatto di ritmi alti di lavoro per le consegne che permette di guadagnare di più. Bisogna cambiare il modello e le aziende devono capirlo. Si apra un tavolo con le categorie di settore e si affronti tutto: rapporto di lavoro, compenso, ritmi di lavoro, sicurezza”, ha affermato Massimo Bonini, segretario generale Cgil di Milano.
Nessuno, a parte la Cgil, sembra dalla parte di questi lavoratori ‘saltuari’, dopo le proteste del 2016 il Tribunale del lavoro di Torino ha respinto con la motivazione che ‘non sono dipendenti’ il ricorso di sei fattorini che hanno intentato una causa civile contro Foodora contestando l’interruzione improvvisa del rapporto di lavoro.

Angela Merkel bce Berlusconi bersani CGIL crisi Donald Trump elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale Luigi di Maio M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Silvio Berlusconi UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento