giovedì, 16 agosto 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Ilva, piano bocciato e rimandato al nuovo Governo
Pubblicato il 10-05-2018


Ilva_Taranto_BluR439I sindacati uniti nel bocciare il piano del Mise per l’Ilva. Secondo quanto riferiscono Cgil, Cisl e Uil a sospendere il tavolo sarebbe stato il ministro Calenda perché secondo alcuni “non legittimato a trattare”. “Siamo consapevoli dei problemi, ma un negoziato che è durato 8 mesi non può finire con un sì o con un no alla vigilia di un cambio di governo. Noi siamo pronti a proseguire il negoziato, ma è anche vero che il gruppo non ha fatto alcun passo in avanti. Ora ci affidiamo alla responsabilità del governo, al ministro calenda se vorrà riconvocarci o al nuovo governo”, ha spiegato Rocco Palombella.
Tuttavia è arrivata piccata e pronta la risposta del titolare del Mise. “I sindacati hanno deciso di non aderire alle linee guida dell’accordo proposto. Il Governo ritiene di aver messo in campo ogni possibile azione e strumento per salvaguardare l’occupazione, gli investimenti ambientali e produttivi anche attraverso un enorme ammontare di risorse pubbliche”, commenta Calenda ricordando come fino ad oggi il governo abbia finanziato l’Ilva in amministrazione straordinaria con circa 900 milioni di euro e come l’offerta di Mittal preveda investimenti per 2,4 miliardi a cui si aggiungono 1,8 miliardi di prezzo “che servono anche a rimborsare lo Stato e l’indotto”. A questo punto, dunque, prosegue Calenda “il dossier passa al nuovo governo”.
La proposta del Mise rifiutata era quella per cui tutti i lavoratori dell’acciaieria fino a fine piano (nel 2023) avrebbero avuto la garanzia di un lavoro stabile, anche quelli che non entreranno nè nella nuova Ilva nè nella newco creata da Invitalia che il governo ha messo sul tavolo di confronto con i sindacati. Ma Cgil, Cisl e Uil chiedevano fin dall’inizio, l’assenza di licenziamenti e l’assunzione di tutti i lavoratori con le stesse garanzie contrattuali. “Testo non condivisibile”, hanno detto: “Gli esuberi restano e Mittal non si è mossa di un millimetro”.

Angela Merkel bce Berlusconi bersani CGIL crisi Donald Trump elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale Luigi di Maio M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Silvio Berlusconi UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento