lunedì, 15 ottobre 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Scrive Lucio Garofalo:
Il conformista
Pubblicato il 21-05-2018


Ormai ho raggiunto un’età (anagrafica ed esistenziale) che basta a cogliere alcune verità (o evidenze di fatto) che un tempo potevo solamente supporre, o acquisire dall’esperienza altrui. Sin dai tempi (ormai remoti) dell’adolescenza ricordo di aver notato quei tipi umani che, pur di contare qualcosa nella propria comunità di residenza, o illudersi di contare un po’, quantomeno all’apparenza, agivano perennemente in modalità trasformistica e conformistica, sempre pronti a vestire nuove casacche, a saltare da un carro dei vincitori all’altro, da veri voltagabbana di professione. Per cui in passato erano stati, ad esempio, democristiani (ovvero clerico-fascisti), per poi riciclarsi in altri abiti ideologici di mera convenienza e di opportunismo. Fino a schierarsi, sempre e comunque, dalla parte di chiunque si imponga in una qualsiasi competizione elettorale e detenga le redini del potere amministrativo locale. Potrei citare vari nomi (e cognomi), ma non lo faccio per ovvie ragioni. D’altro canto, non mi pare di raccontare alcunché di nuovo. Questa tipologia umana esige una puntuale ed efficace definizione linguistica, ovvero: “il conformista”. E non si tratta di una questione meramente ideologico-politica, bensì evoca un tema assai più ampio, profondo e complesso, di ordine antropologico-culturale, che investe e richiama l’antica disputa filosofica sulla natura umana. A tale proposito, mi sovviene in mente un bel romanzo di Alberto Moravia, che si intitola, per l’appunto, “Il conformista”. Se non vi è capitato di leggere il libro in questione, suggerirei la visione dell’omonimo film, diretto nel 1970 dal Maestro Bernardo Bertolucci, ed interpretato da Jean-Louis Trintignant nei panni del protagonista.

P. S. Giusto per la cronaca, il sottoscritto si è sempre schierato dalla parte, assai scomoda e difficile, del “torto”, da buon anticonformista “sfigato e perdente”…

Lucio Garofalo

Angela Merkel bce Berlusconi bersani CGIL crisi Donald Trump elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale Luigi di Maio M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Sergio Mattarella Silvio Berlusconi UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento