sabato, 23 giugno 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

La nave e i migranti
Pubblicato il 12-06-2018


Bisognerebbe partire dai dati e non dalle suggestioni quando si parla di immigrazione, un fenomeno destinato a durare nel tempo e anche a dividere i cittadini. La nave Aquarius insisteva su un’area marittima Sar (Search and rescue, cioè Ricerca e soccorso) italiana. Secondo le fonti maltesi era più vicina a Lampedusa che a Malta (Lampedusa è più a sud di Malta). La cosa potrà anche essere contraddetta, ma la prassi fin qui adottata, anche perché l’area Sar libica è nelle condizioni che conosciamo e Malta è un piccolo paese senza possibilità di ospitare masse di migranti, era che fosse l’Italia, in quell’area, anche a prescindere dalle norme Sar, a farsi carico dei naufraghi. Il ministro Salvini ha chiuso i porti e questo potrebbe anche configurarsi come atto illegittimo nei confronti di trattati (le varie Dublino) e le norme internazionali (le Sar) approvati e sottoscritti anche dall’Italia. Meno male che la Spagna, poi la cosa può avere anche esiti differenti e la seguiamo ad horas, si è fatta carico della soluzione del problema che, alla luce della decisione del governo italiano, avrebbe potuto sfociare in una catastrofe umanitaria.

Si dice che l’Italia finalmente ha mostrato i muscoli obbligando altri paesi a farsi carico di migranti, come se l’Italia fosse il solo paese che se ne è fatto carico o il paese maggiormente toccato dal fenomeno migratorio. Vediamo i numeri che non mentono. Per quanto riguarda la migrazione regolare, la presenza cioè di stranieri non comunitari nel nostro paese, l’Italia ne conta 5.026.170, percentuale dell’8,3 per cento contro il 12,4 dell’Irlanda, l’11,7 del Belgio, il 10,5 della Germania, il 9,6 della Spagna e l’8,6 del Regno unito. Il dato della Francia, più basso di un punto abbondante, è influenzato dalla più veloce attribuzione della cittadinanza. Se prendiamo i profughi regolari il nostro paese ne conta solo 147mila. Più complicato catalogare gli irregolari o migranti economici. Secondo i dati prevalenti (Berlusconi assai prosaicamente l’ha ricordato in campagna elettorale) la loro somma sarebbe di circa 600mila, secondo i dati del Ministero invece non arriverebbe a superare i 200mila. Dunque anche prendendo per buono il dato dei 600mila si tratterebbe di un 8% del totale dei migranti. Un numero non certo vertiginoso. Si è parlato molto degli grandi esuberi del 2017 che aveva spinto il ministro Minniti a parlare di “emergenza”. A fronte di un aumento di circa 64.033 immigrati del 2017 e di un aumento di 52.775 del 2016, dal primo gennaio di quest’anno sono arrivati solo 14.447 migranti. La diminuzione degli irregolari provenienti dalla Libia ammonta al 77,45 per cento. Un risultato importante dovuto agli accordi sottoscritti dal ministro Minniti.

Quali sono i veri problemi della migrazione irregolare in Italia? La sua gestione e il suo approccio all’origine. Cominciamo da quest’ultimo. E’ evidente che il problema migratorio italiano si può e si deve affrontare in Libia. E’ dalle sue coste che parte circa il 90 per cento dei migranti e quel che chiedono oggi diversi stati europei é proprio quel che aveva programmato il governo Gentiloni e cioè di approntare campi Onu in Libia dove raccogliere i migranti e certificarne l’idoneità alla accoglienza europea. Nel contempo se si vogliono rimpatriare gli irregolari o parte di essi non bastano proclami retorici e improduttivi, ma servono accordi economici coi paesi di origine, senza i quali il rimpatrio é impossibile. Poi occorre cambiare il trattato di Dublino e stabilire le quote, che vengono respinte proprio dai paesi dell’Est, Ungheria e Polonia, ai quali Salvini dice di ispirarsi. E se il procuratore di Catania Zuccaro ha ragione vanno velocemente individuate e punite (senza fare di ogni erba un fascio) quelle organizzazione pseudo umanitarie che nel mare approfittano dei migranti per ospitarli nelle loro imbarcazioni gia al momento della partenza in combutta con coloro che poi intendono sfruttarli in Italia.

E poi certo la gestione. Abbiamo, come socialisti, sempre rivendicato la paternità di alcune proposte che rilanciamo. Innanzitutto vanno penalmente perseguiti tutti coloro che sfruttano i migranti, considerandoli merce e non esseri umani, sia nei campi del sud dove vivono alla stregua di schiavi ottocenteschi, sia negli enti o cooperative finanziati dallo stato per mantenerli e dove l’occasione produce utili incontrollati. Lo stato ha l’obbligo di controllare, approfondire, verificare. Troppi sono stati i casi di malversazione e di sfruttamento ad un tempo degli ospiti e del denaro pubblico. Ancora. Non si possono mantenere uomini e donne nullafacenti. Il lavoro socialmente utile é l’occasione per prestare un minimo servizio. E infine tre proposte. La prima riguarda la verifica costante della situazione delle famiglie musulmane che in Italia devono rispettare i principi della Costituzione sui temi della parità uomo-donna e della libertà dei figli (di sposarsi e di seguire un’altra religione o nessuna). La seconda riguarda la necessità di verificare (cosa che i pubblici ufficiali quasi mai fanno) la conoscenza della lingua italiana come presupposto necessario per concedere la cittadinanza. In questo modo si può costruire un processo migratorio più accettabile e condiviso. E infine il divieto di concentrare in poche aree o grandi condomini gli immigrati. Questo ha prodotto una lacerazione sociale di troppe periferie e l’impossibilità di un’autentica integrazione. Gli immigrati vanno disseminati a piccoli gruppi e sempre accompagnati da una presenza maggioritaria di italiani. Non è certo con manifestazioni di celodurismo, di sfida all’Europa, di pseudo razzismo che si può positivamente affrontare il problema. Il governo gialloverde è guardato a vista dal mondo intero e non può mostrare dell’Italia l’aspetto peggiore. Diciamo che in questa occasione ci è riuscito.

Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Silvio Berlusconi siria UE UIL Unione europea USA



Commenti all'articolo
  1. I radicali di Ferrara hanno iniziato una raccolta di firme per l’accoglienza. Sono sicuro come andrà. Falliranno. Salvini fa leva su un sentimento generale di avversione all’immigrazione selvaggia. E la sinistra in generale non ha una politica seria che porti ad un contenimento. E’ per questo che la Lega continua a prendere voti e consensi. Se a ciò aggiungiamo le reazioni scomposte della Francia, troveremo che saranno ancora più popolari. La gente vuole essere rassicurata e noi non ci riusciamo.

  2. Che ci piaccia o no, la decisione di Salvini è servita a squarciare il velo d’ipocrisia di tutti paesi dell’UE che prima chiudono le frontiere e poi fanno i solidali con l’accoglienza degli altri ( la nostra). Il caso della Francia è scandaloso.
    Tacciare poi di razzismo una presa di posizione che intende rimettere al centro l’interesse nazionale, porterà alla definitiva scomparsa della sinistra nel nostro paese.

  3. Della opinione prevalente ho rispetto ma non sono tenuto a condividerla. Anzi mi ritengo un minoritario organico. Ci sono dati e non pensieri coi quali fare i conti. Sia sull’immigrazione regolare (8,3 per cento), ma la sola migrazione extraeuropea assomma al 6,7 con percentusle in rapporto agli abitanti inferiore a Germania, Inghilterra, Irlanda, Austria, Belgio, Irlanda, sia sulla migrazione irregolare (l’8 per cento di quella totale, cioè dell’8,3) non siamo per nulla al vertice. Aggiungo che dal gennaio di quest’anno, grazie a Minniti e non a Salvini, sono sbarcati circa 14mila migranti contro i più di 60mila dello stesso periodo del 2017. Insisto a dire che il problema di fondo non sono tanto gli sbarchi dei migranti quanto la loro gestione, questa sì assurda e spesso conflittuale con gli interessi della nostra comunità.

Lascia un commento