domenica, 16 dicembre 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Appello ai Socialisti, primo incontro tra i firmatari
Pubblicato il 14-06-2018


incontro socialisti

Primo incontro tra i firmatari dell’Appello ai Socialisti nella sede della direzione nazionale PSI a Roma. Numerosi hanno risposto all’appello rivolto dal segretario del Psi Riccardo Nencini: ex parlamentari, intellettuali, dirigenti regionali.

Un confronto aperto per chiamare a raccolta il mondo socialista dopo la pesante sconfitta elettorale del 4 marzo “Per un impegno comune sul futuro”. Un appello alle forze socialiste intenzionate a “far pesare il proprio patrimonio politico-culturale per “proporre ai cittadini una visione del futuro del nostro paese che sappia coniugare i valori del socialismo democratico e le emergenze storiche in cui ci troviamo”.

Durante la riunione si è deciso di tenere un incontro pubblico, previsto per il giorno 7 luglio a Roma; si tratterà di un convegno aperto alle tante culture democratiche e riformiste per gettare le fondamenta di un fronte largo, repubblicano, da contrapporre a leghisti e grillini.

L’appello, che ha raccolto, tra le altre, le adesioni di Claudio Martelli, Fabrizio Cicchitto, Luigi Covatta, Gennaro Acquaviva e Sergio Pizzolante, guarda oltre i confini nazionali rivolgendosi al PSE affinchè apra “un’approfondita riflessione, anche attraverso un congresso straordinario, che porti a interventi sempre più incisivi per superare la finanziarizzazione dell’economia, modificare il Trattato di Maastricht per riformare l’Unione Europea, ridurre le diseguaglianze”.

Secondo l’analisi dei firmatari, infatti, “quello europeo è l’unico contesto possibile per operare efficacemente in questa direzione”.

Analizzando la crisi italiana, i firmatari dell’appello riconoscono la necessità di riprendere “il confronto sulla riforma istituzionale, evitando che si determini ancora una volta la confusione fra maggioranze costituenti e maggioranze di indirizzo che nella passata legislatura ha affossato le riforme”.

Angela Merkel bce Berlusconi bersani CGIL crisi Donald Trump elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale Luigi di Maio M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Sergio Mattarella Silvio Berlusconi UE UIL Unione europea USA



Commenti all'articolo
  1. Errata corrige: non è vero che siano stati chiamati tutti i firmatari. Quindi, quando si parla di “firmatari” che decidono (?), o “firmatari” che convengono (?) o firmatari che “analizzano” (?), ci si riferisce agli invitati (in base a sconosciuti criteri) ad una riunione informale, durante un giorno lavorativo (ultima e recente moda del Partito), di alcuni “firmatari” tra circa 160 adesioni individuali, e 4 Federazioni: Cinisello Balsamo, Forlì, Reggio Calabria, Taranto, Vibo Valentia. Tanto per chiarire

Lascia un commento