domenica, 16 dicembre 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Giuseppe: dopo un anno è sempre con noi
Pubblicato il 21-06-2018


È già passato un anno dalla scomparsa di Giuseppe Tamburrano e ci accorgiamo, giorno dopo giorno, che ci mancano come il pane, le sue analisi, la sua capacità di leggere ed interpretare la storia e i nuovi fenomeni politici, la sua sensibilità e la sua umanità.
Negli ultimi anni, sulle pagine del Blog della Fondazione Nenni, aveva focalizzato la sua attenzione verso il dramma delle morti nel Mediterraneo e lanciato appelli per soccorrere quelle navi, cariche di disperati.
Sempre sul Blog – un contenitore concepito da lui nel 2011 – aveva analizzato con grande lungimiranza, e a tratti preveggenza, i cambiamenti in atto nella politica italiana e l’avvento della cosiddetta “Terza Repubblica”.
Ci manca la sua acuta intelligenza di intellettuale socialista, storico e giornalista, tra i più talentuosi che ha avuto il nostro Paese, ma ci restano, eterni, i suoi scritti, i suoi libri. La sua opera è uno strumento indispensabili per chi intende studiare figure come Nenni, Gramsci, Merlin, Silone o per approcciarsi alla storia del socialismo italiano, alle vicende dei governi di Centro-Sinistra negli anni ’60. La sua opera non offre solo una ricchezza di informazioni storiche e politiche ma soprattutto un metodo innovativo e moderno per aiutarci ad interpretare la complessità dei fenomeni.

Senza Giuseppe siamo più poveri e disorientati ma il suo ricordo, che vive anche grazie alla moglie Gianna Granati e alla Fondazione Nenni, e i suoi insegnamenti ci accompagneranno sempre.

Antonio Tedesco
Blog Fondazione Nenni

Angela Merkel bce Berlusconi bersani CGIL crisi Donald Trump elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale Luigi di Maio M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Sergio Mattarella Silvio Berlusconi UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento