sabato, 23 giugno 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

La Federal alza i tassi. Draghi: Qe verso la fine
Pubblicato il 14-06-2018


BCE-Draghi-anticrisiIl Federal Open Market Committee, cioè il braccio della politica monetaria della Federal Reserve, come previsto ha alzato i tassi di interesse per la seconda volta nel corso del 2018. Dopo la stretta di marzo, quella decisa ieri di altri 25 punti base, ha innalzato i tassi dall’1,75% al 2%.

Si tratta del settimo rialzo del costo del denaro da dicembre 2015. Lo ha comunicato la Banca Centrale Usa alla fine della quarta riunione dell’anno in corso. La terza presieduta da Jerome Powell. All’inizio di febbraio scorso c’è stato il cambio di guardia con Janet Yellen. Powell, già dal 2012, stava nel board della Fed.

Nel 2018, la Fed ha previsto quattro aumenti dei tassi di interesse, anziché tre come inizialmente previsto. Questo cambiamento è emerso dai ‘dot plot’ che accompagnano il comunicato finale sulle decisioni di politica monetaria diffuso al termine della riunione durata due giorni.

Quest’anno, la Federal Reserve, ha fatto già due rialzi dei tassi. Sono state viste in rialzo anche le stime di crescita nella misura del 2,8% per gli Stati Uniti. L’inflazione è stata stimata al 2,1%, pure in rialzo rispetto alle precedenti previsioni. Molto probabilmente, proprio l’aumento dell’inflazione stimata avrebbe spinto la Fed a programmare un rialzo aggiuntivo sui tassi di interessi che a fine anno potrebbero arrivare al 2,5%.

Jerome Powell, presidente della Fed, nella conferenza stampa fatta alla fine della riunione, ha detto: “L’economia Usa sta facendo molto bene. Le decisioni sui tassi non sono prese con il ‘pilota automatico. A partire da gennaio 2019, la Fed terrà una conferenza stampa dopo ogni riunione per migliorare la comunicazione. Finora la Fed ha tenuto una conferenza stampa ogni due mesi dopo le riunioni. Per ora i dazi sul commercio sono solo un rischio. Gli effetti delle politiche commerciali e dei dazi ancora non si vedono sui numeri: sul commercio per ora sono solo un rischio”.

Di fronte alla decisione della Fed, Wall Street è schizzata in alto. I mercati azionari  statunitensi hanno aperto in rialzo mercoledì, poiché gli investitori hanno atteso un aumento dei tassi d’interesse ampiamente previsto dalla Federal Reserve e le sue linee guida sulla politica monetaria.

Un rialzo dei tassi di un quarto di punto percentuale è stato valutato positivamente dai partecipanti al mercato, che hanno analizzato la dichiarazione della Fed. Willie Delwiche, stratega degli investimenti presso Robert W. Baird a Milwaukee, precedentemente ha detto: “L’incertezza è se la Fed parla o meno di alcune questioni politiche in corso a Washington e delle preoccupazioni per il commercio. Se si trattasse solo di ciò che sta accadendo nell’economia, allora si parlerebbe di un quarto rialzo dei tassi, quindi il mercato è preparato per questo”.

Anche secondo lo strumento ‘Fedwatch’ di CME Group, i trader sono equamente divisi su un quarto rialzo dei tassi a dicembre. Un rapporto del Dipartimento del Lavoro ha mostrato che i prezzi dei produttori statunitensi, a maggio, sono aumentati più del previsto portando al miglior incremento annuale dagli ultimi sei anni e mezzo anche se l’inflazione sottostante è rimasta moderata.

Tuttavia, in una intervista a Fox News, dopo lo storico summit con Kim Jong Un, Donald Trump ha affermato: “Stiamo preparando una stretta molto forte sulle importazioni della Cina. Vedrete nel giro di un paio di settimane”.

Anche se Donald Trump vanta un’amicizia personale con Xi Jinping, per gli affari di stato si regola diversamente. Oggi, dopo la Fed, si è riunito a Riga la Bce che non ha modificato i tassi, ma ha deciso un  addio al quantitative easing a fine dicembre, con una tabella di marcia che prevede un breve ‘tapering’ nell’ultimo trimestre 2018. I tassi d’interesse resteranno fermi ai minimi record almeno fino alla prossima estate del 2019.

La decisione è arrivata in anticipo per molti osservatori: alcuni si aspettavano un’indicazione di massima dalla riunione di oggi, e una tabella di marcia vera e propria il mese prossimo.

Una nota dell’Eurotower, riunita oggi a Riga nell’appuntamento che ogni anno si svolge ‘fuori sede’, ha spiegato: “Dopo settembre 2018, e in subordine al fatto che i dati in arrivo confermino le stime di medio termine d’inflazione, il tasso mensile degli acquisti netti di titoli sarà ridotto a 15 miliardi fino a fine dicembre 2018, e che a quel punto gli acquisti netti termineranno”.

Tuttavia, la Bce ha promesso di proseguire con il reinvestimento  (ossia l’utilizzo del capitale rimborsato dei bond che ha in portafoglio e che arrivano a scadenza per comprare nuovi titoli di pari durata) ancora a lungo e per tutto il tempo necessario ad assicurare l’accomodamento monetario necessario. I tassi rimangono fermi ai minimi record almeno per tutta l’estate 2019 e in ogni caso finché sarà necessario.

La Banca centrale europea ha indicato, quindi, già da oggi la tabella di marcia verso la fine del Qe dopo un’attenta valutazione dei progressi fatti la cui conclusione è che l’aggiustamento dell’inflazione verso l’obiettivo è sostanziale. Il presidente della Bce, Mario Draghi ha sottolineato:  “La Bce è pronta a rivedere i propri strumenti di politica monetaria se fosse necessario per assicurare il necessario livello di stimolo monetario. Gli acquisti di titoli del Qe non stanno sparendo, restano parte degli strumenti di politica monetaria che potranno essere usati in particolari frangenti. Per una ripresa sostenuta dell’inflazione  serve ancora un significativo stimolo monetario  e la decisione presa oggi sulla riduzione del Qe mantiene un ampio grado di accomodamento nella politica monetaria”.

La Banca centrale europea  ha rivisto al ribasso le stime di crescita per l’Eurozona al 2,1% dal 2,4% per il 2018, mantenendo l’1,9% atteso per il 2019 e l’1,7% per il 2020.  La Bce ha mantenuto stabile all’1,7% la stima dell’inflazione per il 2020.

Inevitabilmente si farà sentire anche il quadro di tensioni che si sono addensate sull’Italia, terzo maggior paese dell’area euro, con la nascita del governo M5S-Lega che è stata accompagnata da una accentuata volatilità dei mercati. Il fatto che la Bce stia continuando a comprare titoli pubblici dell’area euro al ritmo di 30 miliardi al mese ha certamente evitato che le spinte rialziste sui rendimenti dei Btp, così come il loro differenziale sui Bund della Germania, il famoso spread, salissero ancora più su. Un onere imprevisto che comunque grava sulle tasche degli onesti contribuenti italiani.

Finora la Bce ha portato avanti il Qe per affiancare e potenziare la sua politica monetaria ultra espansiva, con tassi di interesse praticamente a zero da anni per stimolare l’economia e favorire un ritorno dell’inflazione ai valori auspicati. L’abbandono del Qe non è stato fatto dalla Bce ‘a caduta libera’, anzi, la scelta del reinvestimento consente di poter continuare una politica monetaria espansiva.

Salvatore Rondello

Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Silvio Berlusconi siria UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento