mercoledì, 15 agosto 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Le forze di Haftar riconquistano la mezzaluna
Pubblicato il 22-06-2018


haftarIl generale Ahmed al-Mesmari, portavoce dell’Armata Nazionale Libica (ANL) guidata da Haftar, ha annunciato la riconquista della regione della Mezzaluna del petrolio, ma operazioni militari sono ancora in corso per combattere i gruppi rivali, che si sono rifugiati nel deserto a sud.

Questa nuova fase è iniziata il 14 giugno quando i gruppi armati diretti da Ibrahim Jadhran hanno attaccato due siti petroliferi in questa regione del nord-est libico, sotto il controllo dell’ANL.

Ibrahim Jadhran, la cui tribù Al-Magharba è storicamente insediata nella regione, comanda una milizia chiamata “Guardie delle installazioni petrolifere” (GIP). Egli è riuscito a bloccare le esportazioni da questa regione, riporta Jeune Afrique, per due anni prima di essere stato cacciato nel 2016 dall’ANL. Jadhran, secondo fonti vicine ad Haftar, avrebbe stretto un’alleanza con milizie islamiste e al suo fianco ci sarebbero più di 1.000 mercenari ciadiani.

L’ANL ha fatto sapere ieri di essere tornata in possesso dei terminali di Ras Lanouf e d’al-Sedra, due importanti porti da cui il petrolio libico viene portato all’estero. Più tardi però gli scontri sono scoppiati nella zona residenziale di Ras Lanouf, che comprende anche un aeroporto, una raffineria e un complesso petrolchimico.

Secondo l’ospedale D’Ajdabiya, a est della regione, l’ANL ha perso sedici uomini, mentre non è ancora stato possibile ottenere un bilancio dei morti dell’altra parte.

La Compagnia Nazionale del Petrolio (NOC) ha dichiarato che i combattimenti intorno ai terminali petroliferi di Ras Lanouf e al-Sedra hanno provocato perdite catastrofiche, sottolineando che la produzione da un milione di barili al giorno è scesa a 450.000. Un altro portavoce dell’ANL, Khalifa al-Abidi, ha fatto sapere Giovedì sera che le forze leali al maresciallo Haftar metteranno in sicurezza la zona per restituire le installazioni al NOC affinché possa riprendere la produzione e la riparazione dei danni il prima possibile.

Simone Sorrente

Angela Merkel bce Berlusconi bersani CGIL crisi Donald Trump elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale Luigi di Maio M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Silvio Berlusconi UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento