mercoledì, 19 dicembre 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Psi Umbria. “Necessaria una coalizione riformista”
Pubblicato il 26-06-2018


umbria“Dopo la disfatta alle ultime elezioni politiche, il centrosinistra umbro subisce innegabilmente un’altra sconfitta anche alle amministrative, ma non tutto nella nostra regione è addebitabile al trend nazionale, come dimostrano i casi di Terni e Umbertide, dove la consiliatura è terminata in anticipo a causa delle divisioni interne al Partito democratico. A Spoleto l’apparentamento ha dimostrato che la somma matematica non corrisponde a quella politica”. Questo il commento della segreteria regionale dell’Umbria del Partito socialista dopo l’ultima tornata elettorale che ha riguardato anche le amministrazioni comunali umbre.

“Da tempo, come socialisti – proseguono dalla segreteria umbra del Psi –, sosteniamo la necessità di rilanciare una coalizione riformista che nel corso degli anni si è andata sempre più deteriorando e disgregando sul piano politico e programmatico. Pensiamo che il Partito democratico avrebbe fatto bene a valorizzare le forze politiche della coalizione, a vantaggio del pluralismo e della rappresentanza. Si è preferito scegliere di perseguire un disegno egemonico, che forse ha saputo conquistare solo qualche singolo esponente politico, ma non certo gli elettori, ormai sempre più delusi”.

“Del resto, le poche affermazioni positive per il centrosinistra – aggiungono dal Psi dell’Umbria – si sono avute, non per caso, solo nei Comuni in cui si è saputo valorizzare il pluralismo all’interno della coalizione. Il Psi dell’Umbria non intende arrendersi dinanzi al declino politico della coalizione ed intraprenderà sin d’ora tutte le iniziative necessarie per il rilancio effettivo dell’area riformista nella nostra regione”.

“In tal senso – concludono i socialisti umbri –, rivolgiamo un appello a tutte le forze politiche e civiche che condividano con noi l’esigenza di contrastare le derive populiste e massimaliste sempre più presenti anche nei nostri territori”.

Angela Merkel bce Berlusconi bersani CGIL crisi Donald Trump elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale Luigi di Maio M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Sergio Mattarella Silvio Berlusconi UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento