mercoledì, 19 settembre 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Salvineide
Pubblicato il 18-06-2018


Come per Figaro è un continuo e festoso canto: “Salvini di qua, Salvini di là”. L’Italia ha mostrato i muscoli, ha costretto la Spagna ad accogliere qualche centinaio di migranti, rifiutati dai nostri porti. Così si fa. Picchiando i pugni sul tavolo ci siamo fatti rispettare e adesso tutti devono fare i conti con noi. In questa fase di mondiali di calcio si azzarda anche la bizzarra equazione: Salvini uguale Cristiano Ronaldo. Il rifiuto dell’Aquarius vale la tripletta del portoghese. Poi, fuori da questa esaltazione di celodurismo collettivo, andiamo a vedere la sostanza e scopriamo che le cose stanno diversamente. Quel “prima gli italiani”, slogan che stona con le origini della Lega che di Italia non voleva saperne (ma la scelta antibossiana di Salvini, di abbandonare il secessionismo e di sposare il nazionalismo alla Le Pen, é indubbiamente alla base degli attuali successi) non viene minimamente scalfito dalla cupa decisione di chiudere i porti.

Intanto i nostri porti non sono chiusi affatto per la marina militare e per la guardia costiera e mentre Salvini cantava vittoria perché il socialista Sanchez non si era rifiutato di far attraccare una nave colma di oltre seicento migranti disperati, in Italia potevano tranquillamente sbarcare 2114 migranti negli ultimi otto giorni. E’ evidente che la balzana idea di chiudere i porti alle navi delle Ong, e in ispecie all’Aquarius, non risolve nulla oltre a dare dell’Italia l’immagine di un paese insensibile al grido di dolore di tante persone, anche bambini e donne incinte, che sono state costrette a giorni di navigazione, con sofferenze indicibili e, lo descrive un resoconto di un accompagnatore sulla nave, anche tentativi di suicidio.

Nessuno nega che non tutte le Ong siano inattaccabili, e soprattutto nessuno sottovaluta le responsabilità degli altri paesi europei che, facendosi scudo sulla sciagurata normativa di Dublino tre, hanno delegato all’Italia responsabilità e oneri insopportabili. Restano tuttavia almeno tre considerazioni. La prima: il problema dell’immigrazione irregolare si affronta in Libia, non sul mare. E’ in Libia e nei paesi di origine, ancora meglio, lo ha sostenuto il ministro degli Esteri Moavero (che fa parte, come il ministro Tria, della componente assennata del governo), e lo ha praticato con successo il ministro Minniti visto che dal gennaio a giugno gli arrivi sono stati l’80 per cento in meno dell’anno precedente, che va spostato il sismografo, approntando campi di accoglienza umani e di riconoscimento di diritti, ma anche patti economici affinchè i paesi di origine possano riaccogliere i migranti.

Di tutto questo, per ora, non c’é traccia. Poi c’é un problema lessicale che nasconde un atteggiamento piuttosto barbaro. Le parole di Salvini (la pacchia, la crociera, gli hotel a 4 stelle) rappresentano, oltre alla triste vicenda Aquarius, l’approccio meno umano, solidaristico e produttivo che sia mai stato lanciato. Esso fa centro in un paese in cui l’individualismo, l’invidia e il rancore, uniti a una cattiva gestione del fenomeno migratorio, si configurano come prevalenti. Poi c’è una terza questione. Salvini, più che bloccare una nave di poveracci che imploravano aiuto e che, in base agli attuali trattati, avrebbe dovuto accogliere, doveva muoversi in altre due direzioni: da un lato verso i suoi amici ungheresi e polacchi affinché la revisione di Dublino contemplasse la presenza della ripartizione in quote dei migranti e la seconda affinché l’Onu si facesse carico dei campi di accoglienza libica (solo una parte é stata trasferita sotto l’egida delle Nazioni unite). Di queste due immediate esigenze si faccia carico subito l’opposizione italiana, che ancora balbetta, priva com’é di un soggetto politico di riferimento. Alla politica propagandistica e inefficace del governo se ne contrapponga una ispirata a concretezza e umanità dell’opposizione.

Angela Merkel bce Berlusconi bersani CGIL crisi Donald Trump elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale Luigi di Maio M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Silvio Berlusconi UE UIL Unione europea USA



Commenti all'articolo
  1. Perfetto Direttore, e’ stata ed e’ la balbuzie della Sinistra ad aver determinato ed a determinare l’affermazione di un Salvini, interprete autentico delle attuali italiche pulsioni, pur sempre espressione di problemi reali.
    Craxi (1): a Venezia nel 92 sostenne che il principale problema sociale che si sarebbe affacciato nell’epoca attuale sarebbe stato quello dell’immigrazione, cui sarebbe stato necessario contrapporre, per evitare flussi incontrollati, una seria e profonda politica della cooperazione internazionale ai fini di un “trapianto di sviluppo” nei luoghi della fame.
    Craxi (2): ad Hammamet qualche anno dopo ebbe a sostenere il suo euroscetticismo, dichiarando che l’Europa, qualora non si fosse tempestivamente provveduto alla rimodulazione dei parametri di Maastricht, sarebbe divenuta “nel migliore dei casi un limbo, nel peggiore un inferno”.
    Ecco le fortune di Salvini, ecco il terreno su cui ricostruire la Sinistra.

  2. Salvini fa paura, supera nei sondaggi i 5 stelle.
    Le sue forzature strategiche, il suo modo poco diplomatico nell’affrontare i problemi piace alla gente e purtroppo anche a quella di Sinistra e la Sinistra cosa fa ?
    La Sinistra continua a balbettare, non ha il coraggio di prendere il Toro per le corna e aspetta gli eventi piagnucolando.
    Non un segno di reazione adeguato, non serie iniziative per dar vita a un movimento unitario che possa concretamente ostacolare il fenomeno prima che diventi Regime vero e proprio.
    Il tempo è poco per agire e nessuno se ne rende CONTO !
    Un Caro Saluto Direttore.

Lascia un commento