mercoledì, 19 dicembre 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

La Francia all’Italia. “Salvini non può dar lezioni”
Pubblicato il 25-06-2018


macron 2

“Non è certo il signor Salvini a poter dare lezioni alla Francia”: lo ha detto la ministra francese per gli Affari europei, Nathalie Loiseau, all’indomani del mini-vertice di Bruxelles. “La generosità della Francia – ha detto su France 2 – non può essere rimessa in discussione da nessuno e non certo dal signor Salvini che chiude i suoi porti, che aveva incoraggiato SOS Mediterranee a prendere dei migranti per poi rifiutarli a dare lezioni alla Francia”. “L’Europa – ha concluso – non si riassume in uomini che parlano forte in assenza di forza”. A una domanda sulla nave dell’Ong tedesca Mission Lifeline bloccata con 234 persone a bordo, dopo il rifiuto di Malta e dell’Italia di accoglierla, la ministra ha ribadito il principio di accoglienza nel porto più vicino. “E’ il diritto internazionale – ha concluso – non possiamo sostituirlo con la legge della giungla”.

Nessuna decisione operativa né documento finale di sintesi – come del resto era previsto – al vertice informale di Bruxelles. Il premier Giuseppe Conte valuta comunque positivamente il complicato summit a 16, con i leader europei divisi su molti temi, che ha preceduto il Consiglio europeo di fine mese. “Si è conclusa la riunione informale sul tema migrazione a Bruxelles e rientriamo a Roma decisamente soddisfatti. Abbiamo impresso la giusta direzione al dibattito in corso. Ci rivediamo giovedì al Consiglio europeo”, scrive su Twitter il presidente del Consiglio, dopo aver lasciato Palais Berlaymont, la sede del summit.

“Siamo tutti d’accordo: non si possono lasciare da soli i Paesi di primo arrivo e d’altro canto migranti e profughi non possono scegliere in quale Paese fare richiesta di asilo”, dice la cancelliera tedesca dopo il vertice informale. Angela Merkel ha ribadito come la responsabilità debba essere spalmata tra tutti i Paesi Ue e ha aggiunto che “quando possibile vogliamo trovare soluzioni europee. Laddove non sia possibile, vogliamo sviluppare insieme a quelli che sono disponibili un comune piano di azione”. Abbiamo trovato “molta buona volontà” per discutere e superare i disaccordi sul tema migranti, ha spiegato Merkel, evidenziando anche la convergenza registrata sulla necessità del rafforzamento delle frontiere esterne e sul fatto che “nessun Paese deve prendersi il peso da solo”.

Ma c’è chi gioca con la paura “Il presidente del Consiglio Conte ha espresso una posizione ed è stato coerente con l’insieme delle discussioni al tavolo”, ha commentato il presidente francese Emmanuel Macron al termine della mini riunione. “Ma a volte – ha aggiunto – sento cose dalla stampa che non sono la stessa cosa…”. Poi: la discussione ha “permesso di escludere le soluzioni non conformi ai nostri valori, le soluzioni che chiedevano tattiche di respingimento. Le soluzioni non conformi al diritto internazionale umanitario e al diritto europeo non sono state ritenute come pertinenti”. E infine: “Alcuni cercano di strumentalizzare la situazione dell’Europa per creare una tensione politica e giocare con le paure”. La mia posizione è che non nasconderò mai la verità ai miei concittadini”, ma che bisogna “avere una posizione efficace ed umana”.

“La sensazione che ho avuto partecipando alla riunione odierna è stata positiva”, ha confermato il premier spagnolo Pedro Sanchez. “Abbiamo trovato dei punti di unione e abbiamo fatto un buon passo in avanti. La conversazione è stata franca, ma tutti siamo concordi nell’avere una visione europea e su come affrontare il tema migranti”.

La riunione informale sulle migrazioni a Bruxelles “è andata meglio di quanto ci aspettavamo. Tutti noi abbiamo esposto le nostre idee in modo molto chiaro. Spero davvero che serva allo scopo di metterci in grado di comprenderci meglio per la prossima settimana”, dice il premier maltese Joseph Muscat al termine dei lavoro. “Quello che serve sono azioni operative: ci sono persone in mare, siamo in una situazione in cui se non prendiamo decisioni nei prossimi giorni la situazione subirà un’escalation. Quello che ho sentito oggi e le cose sulle quali abbiamo trovato convergenze sono il segno che c’è probabilmente la volontà di andare verso un qualche cambiamento operativo”.

Angela Merkel bce Berlusconi bersani CGIL crisi Donald Trump elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale Luigi di Maio M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Sergio Mattarella Silvio Berlusconi UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento