sabato, 18 agosto 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Turchia. Locatelli: “Risultato Hdp dà sollievo”
Pubblicato il 25-06-2018


locatelli turchiaNessuna sorpresa sul fronte orientale, Erdogan vince di nuovo con il 52 % di voti sullo sfidante Muharrem Ince, sconfitto, che ha ottenuto comunque un ottimo risultato personale, raggiungendo il 30 per cento dei voti. Un successo doppio per il Sultano, ottenuto sia alle presidenziali, sia alle parlamentari.
Nonostante la Turchia sia ormai sempre più un Paese in mano agli islamici e ai conservatori radicali, nell’Assemblea di Ankara riesce a mantenere l’ingresso la formazione filo curda di Selahattin Demirtas, leader in carcere, portandovi una settantina di deputati. l’Hdp ha superato la fatidica soglia di sbarramento del 10% che gli permette di entrare in Parlamento. Un importante risultato per il partito di Demirtas messo a dura prova dal dopo golpe e che dal 4 novembre 2016 ha visto dodici dei suoi parlamentari arrestati e posti in custodia cautelare con l’accusa (senza prove) di terrorismo.
“Mi trovo rinchiuso tra quattro mura, ma so che qui fuori ci sono migliaia di Demirtas. Demirtas siete voi, credete in voi stessi, date valore alle vostre azioni e al vostro voto. Non dimenticate che con il voto le cose possono cambiare. Prepariamoci a giorni migliori, prepariamoci a vincere”, aveva detto il leader curdo dal carcere pochi giorni fa.
“Nella delusione profonda del risultato generale, il risultato dell’Hdp è l’unico che dà sollievo”, ha detto Pia Locatelli, già presidente del Comitato permanente sui diritti umani della Camera che nel novembre del 2016 insieme agli eurodeputati socialisti del Pse si recà a far visita al leader curdo, ma le autorità di Ankara vietarono la visita nella prigione di Edirne, nel nord del Paese.
“È davvero difficile capire come Erdogan abbia potuto vincere ancora, in Turchia l’economia vive una profonda crisi con il 13% di inflazione e il 13% disoccupazione, senza dimenticare la pesante svalutazione della lira turca rispetto al dollaro. Questo risultato è veramente difficile da capire e qualcosa me non quadra come il risultato del referendum dello scorso anno”, ha continuato la socialista Locatelli che ha spiegato: “Questo Paese è spaccato a metà e resta forte la preoccupazione che ora tutto il potere sarà nelle mani di Erdogan”.
“Infine continuo a pensare che aver spinto la Turchia ad allontanarsi dalla Ue sia stato un grave errore”, ha concluso Pia Locatelli.

Angela Merkel bce Berlusconi bersani CGIL crisi Donald Trump elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale Luigi di Maio M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Silvio Berlusconi UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento