martedì, 23 ottobre 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Oceani, un mare di plastica. Guterres: “Agire in fretta”
Pubblicato il 08-06-2018


plastica oceani

“Un pianeta sano è essenziale per un futuro prospero e pacifico. Abbiamo tutti un ruolo da svolgere nel proteggere la nostra unica casa”. Lo scrive il segretario generale nell’Onu, Antonio Guterres, in un messaggio in occasione della Giornata mondiale dell’ambiente. E se “può essere difficile sapere cosa fare o da dove cominciare”, Guterres sottolinea che “questa Giornata mondiale dell’ambiente ha una sola richiesta”: “Combattere l’inquinamento causato dalla plastica”. “Il nostro mondo – evidenzia il segretario generale dell’Onu – è sommerso da rifiuti plastici dannosi. Ogni anno, oltre 8 milioni di tonnellate finiscono negli oceani”.

“Le microplastiche nei mari già superano le stelle nella nostra galassia”, prosegue Guterres, osservando come “dalle isole remote all’Artico, non rimane nessun luogo intatto”. “Se le tendenze attuali continuano – avverte – entro il 2050 i nostri oceani avranno più plastica che pesci”. “Il messaggio della Giornata mondiale dell’ambiente, è semplice: rifiutare la plastica monouso. Rifiuta quello che non puoi riutilizzare”, ammonisce Guterres. “Insieme, possiamo tracciare un percorso verso un mondo più pulito e più verde”.

Con il ricorrere della Giornata mondiale degli oceani, l’8 giugno, si ripete l’allarme sull’inquinamento. Allarme a cui risponde una mobilitazione che dalle coste africane a quelle asiatiche, passando per Europa, Americhe e Oceania vede scendere in campo migliaia di volontari per pulire i litorali del Pianeta. E l’invito a darsi da fare, ora e tutti i giorni, arriva direttamente dalle Nazioni Unite: oltre 8 milioni di tonnellate di rifiuti plastici entrano ogni anno nei nostri oceani e uccidono centomila animali marini. “Se non cambiamo rotta, presto in mare potrebbe esserci più plastica che pesci. Dobbiamo lavorare individualmente e collettivamente per evitare questa tragedia”, ha detto ancora il segretario generale dell’Onu Antonio Guterres.

“La plastica soffoca corsi d’acqua, danneggia le comunità che dipendono dalla pesca e dal turismo, uccide tartarughe e uccelli, balene e delfini, si fa strada nelle zone più remote della Terra e lungo tutta la catena alimentare”, avverte Guterres, che chiama ciascuno a “fare la propria parte” evitando la plastica monouso e dando una mano a ripulire.

In Italia l’Ufficio regionale Unesco per la scienza e la cultura in Europa, con sede a Venezia, ha organizzato un evento che vedrà i volontari impegnati a ripulire laguna e canali. Pescara, Reggio Calabria, Oristano e Palermo sono invece alcune delle città in cui nel weekend si puliranno i litorali insieme al Wwf, che con l’iniziativa “Spiagge Plastic Free” organizza appuntamenti in tutto il mese di giugno. Ma in spiaggia c’è solo una frazione del problema. Mentre la Ong Oceana lancia l’allarme sui rifiuti di plastica in acque profonde anche nel Mediterraneo, Legambiente con l’università di Siena dimostra in uno studio che la plastica galleggiante in mare fa da ricettacolo di sostanze tossiche. Contaminanti, come il mercurio, che rischiano di entrare nella catena alimentare.

Angela Merkel bce Berlusconi bersani CGIL crisi Donald Trump elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale Luigi di Maio M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Sergio Mattarella Silvio Berlusconi UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento