venerdì, 20 luglio 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Bloccata scarcerazione di Lula che cresce nei sondaggi
Pubblicato il 09-07-2018


lula da silvaL’ex presidente brasiliano Luiz Inácio Lula da Silva, del Partito dei Lavoratori (Partido dos Trabalhadores, PT) che sta scontando una condanna a 12 anni di carcere per corruzione, si era candidato recentemente alle presidenziali del Brasile di ottobre, ribadendo la sua innocenza, criticando la prigionia “senza prove della sua colpevolezza”. Ieri pomeriggio la notizia che gran parte della popolazione carioca aspettava da tempo, un giudice della Corte di appello aveva autorizzato la scarcerazione del condannato più celebre del Brasile. Centinaia di persone sono andate ad accogliere la notizia davanti al carcere dove si trova Luiz Inacio Lula da Silva, in carcere per quasi tre mesi per una condanna per corruzione.
Secondo il giudice, Rogério Favreto, che gli ha concesso l'”habeas corpus”, non c’è motivo per cui Lula non possa aspettare fuori dal carcere per la risoluzione del suo appello.
Tuttavia la decisione è stata subito bloccata da un altro giudice Joao Pedro Gebran Neto, il magistrato federale brasiliano responsabile delle inchieste anticorruzione note come Lava Jato, ha bloccato l’ordinanza di scarcerazione.
La notizia ha creato scompiglio tra detrattori e difensori dell’ex presidente, ma resta da notare che Luiz Inácio Lula da Silva continua a essere in testa a tutti i sondaggi realizzati in vista delle elezioni presidenziali di ottobre. L’indagine demoscopica condotta da Ibope attribuisce a Lula il 33% dei voti, più del doppio dell’estrema destra rappresentata da Jair Bolsonaro, con il 15%.

Angela Merkel bce Berlusconi bersani CGIL crisi Donald Trump elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Silvio Berlusconi siria UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento