sabato, 22 settembre 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Condanna a No Vax per procurato allarme
Pubblicato il 13-07-2018


MODENA NO VAXA Modena arriva la prima condanna per un’attivista No Vax che adesso dovrà pagare 400 euro di multa per “procurato allarme”. Nei due manifesti 3×6 esposti a Modena erano sbagliati i dati ripresi dalle associazioni “Riprendiamoci il pianeta-Movimento di resistenza umana” e “Genitori del No Emilia Romagna” e attribuiti in modo improprio all’Agenzia Italiana del Farmaco. Nei confronti di Magda P. , adesso condannata, si erano attivati i magistrati Lucia Musti e Claudia Ferretti, che aveva raccolto la querela, presentata dall’avvocato Vittorio Manes, per conto dell’Ausl. Secondo l’Azienda, come già confermato dai “No Vax” che avevano ammesso l’errore, i manifesti riportavano un dato errato: non sono 21658 i bambini danneggiati, ma quella cifra è riferibile solo alle segnalazioni arrivate all’Aifa.
“Ci siamo resi conto di avere scritto una inesattezza nel nostro manifesto che stiamo correggendo”, scrisse sui social ai tempi ‘Riprendiamoci il pianeta’, ma la reazione dell’Ausl è stata decisa in quanto “la diffusione di tali contenuti fa leva su false informazioni in grado di disorientare immotivatamente i cittadini”.
La condanna potrà ancora essere appellata ma rappresenta un primo punto fermo sulla questione.

Angela Merkel bce Berlusconi bersani CGIL crisi Donald Trump elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale Luigi di Maio M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Silvio Berlusconi UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento