martedì, 13 novembre 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Dietro lo sciopero di Melfi per l’acquisto di Ronaldo
Pubblicato il 11-07-2018


cr7Sono 117 i milioni complessivi che il club bianconero sborserà per avere CR7, Cristiano Ronaldo, una cifra che ha fatto incrociare le braccia agli operai dello stabilimento Fiat di Melfi, a cui invece la società continua a chiedere sacrifici.
Appena una settimana fa un accordo sulla solidarietà per oltre 5mila operai della provincia potentina dal 23 luglio al 31 gennaio 2019.
“Di fronte a tanta iniquità non si può che scioperare”. Così inizia il comunicato dell’Unione Sindacale di Base dello stabilimento Fca di Melfi dopo l’annuncio di Cristiano Ronaldo alla Juventus: “È inaccettabile che mentre ai lavoratori di Fca e Cnh Industrial l’azienda continui a chiedere da anni enormi sacrifici a livello economico, la stessa decida di spendere centinaia di milioni di euro per l’acquisto di un calciatore”. E ancora: “Gli operai Fiat hanno fatto la fortuna della proprietà per almeno tre generazioni, arricchiscono chiunque si muova intorno a questa società, e in cambio hanno ricevuto sempre e soltanto una vita di miseria”. Per questo l’Unione Sindacale di Base di stabilimento ha proclamato lo sciopero alla Fca di Melfi dalle ore 22 di domenica 15 luglio fino alle ore 6 di martedì 17 luglio 2018.
Nello stabilimento Fca di Melfi si producono la Jeep Renegade e la 500 X.

Angela Merkel bce Berlusconi bersani CGIL crisi Donald Trump elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale Luigi di Maio M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Sergio Mattarella Silvio Berlusconi UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento