lunedì, 24 settembre 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Effetti complessi della guerra sui dazi
Pubblicato il 06-07-2018


effetti daziÈ un grave errore cercare di semplificare le grandi questioni internazionali, quali quelle economiche, finanziarie, commerciali o quelle riguardanti i flussi migratori. Spesso si pensa che isolare una questione importante dal resto renda più facile affrontarla. Purtroppo non è così. Si vorrebbe che le cose fossero semplici e poco complicate e quindi risolvibili. Invece spesso sono complesse, intrecciate con altre, tanto da esigere approfondite e multiple analisi.
Lo è senz’altro il caso delle guerre commerciali in corso. Trump e altri credono che, aumentando i dazi sui prodotti importati dalla Cina e dall’Unione europea, l’industria e l’occupazione americane ne gioverebbero, incidendo positivamente anche sulla bilancia dei pagamenti degli Usa.
In verità il commercio americano è da decenni fortemente squilibrato. Di certo non per comportamenti truffaldini dei partner ma per le decisioni interne che hanno favorito, ad esempio, l’outsoursing. Ciò ha determinato lo spostamento di molte imprese americane verso mercati poco regolamentati e a bassissimo costo del lavoro.
Le multinazionali e le banche Usa hanno sfruttato questo sistema facendo profitti straordinari ed evitando di pagare le tasse dovute. Non è quindi sorprendente sapere che il deficit della bilancia commerciale da decenni è ogni anno di centinaia di miliardi di dollari. Così dicasi per il bilancio statale. Nel 2017, ad esempio, il deficit commerciale è stato di 568 miliardi di dollari (811 miliardi, se si considerano solo le merci senza i servizi) e, a sua volta, il deficit del bilancio federale ha raggiunto i 665 miliardi.
La guerra commerciale non produrrà soltanto ritorsioni da parte dei paesi colpiti dai dazi. C’è già un’escalation di per sé foriera di gravissime instabilità. Essa rischia di mettere in moto effetti destabilizzanti anche sui mercati delle monete e su quelli finanziari.
Pertanto, di conseguenza, la Banca nazionale cinese ha deciso di emettere 700 miliardi di yuan sul mercato, pari a oltre 100 miliardi di dollari, con l’evidente intento di svalutare la propria moneta.
Si tratta di una contromisura per contenere i danni provocati dalle misure protezionistiche Usa. Con il deprezzamento dell’yuan, gli esportatori cinesi livellerebbero così l’aumento dei dazi americani d’importazione, mantenendo in un certo senso i loro guadagni ai livelli precedenti alle decisioni Usa.
Internamente alla Cina il deprezzamento della moneta non avrebbe grandi effetti negativi. Soltanto le sue importazioni diventerebbero più costose. Ma la Cina da quasi 10 anni ha cambiato la rotta della sua economia, sviluppando di più il mercato interno. I dazi, pertanto, possono diventare un ulteriore stimolo a sviluppare i settori industriali colpiti.
Si tenga conto, inoltre, che la Cina da qualche tempo promuove accordi commerciali in yuan, soprattutto con molti paesi emergenti, bypassando così la mediazione del dollaro.
Per il suo sistema politico, economico e monetario e per le storiche alleanze internazionali, l’Unione europea, purtroppo, non può adottare decisioni simili. Anche se Washington starebbe per imporre una tassa del 20% su 1,3 milioni di veicoli importati dall’Europa, di cui più della metà dalla Germania.
Quanto intrapreso in Cina, anche se in modi differenti per intensità e settori, com’era prevedibile, è avvenuto anche in Russia soprattutto per effetto dell’isolamento commerciale provocato dalle sanzioni.
Sul fronte finanziario, una delle conseguenze determinata dall’instabilità, a seguito dell’aumento del debito globale e delle minacce di guerre commerciali, è stata la crescita della bolla dei credit default swap (cds). I derivati usati per le cosiddette coperture del rischio d’insolvenza. Essi misurano anche le fibrillazioni emerse a Wall Street dove Standard& Poors’ 500 (l’indice delle maggiori imprese americane), dal picco di gennaio a oggi, ha perso il 5%.
Secondo varie analisi, anche dell’ultimo rapporto trimestrale della Banca dei Regolamenti Internazionali, il volume dei cds è di circa diecimila miliardi di dollari. Certo ancora lontano dai livelli del 2007, ma già preoccupante in previsione delle insolvenze del debito delle imprese e di altre categorie private.
È appena il caso di sottolineare che oggi quattro banche americane (Citigroup, Bank of America, JP Morgan Chase e Goldman Sachs) gestiscono il 90% del commercio mondiale dei cds!
Ancora una volta le autorità di controllo purtroppo stanno a guardare mentre la bolla cresce.
Il commercio e i mercati non hanno bisogno di dazi ma di regole che valgano per tutti.

Mario Lettieri e Paolo Raimondi

Angela Merkel bce Berlusconi bersani CGIL crisi Donald Trump elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale Luigi di Maio M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Silvio Berlusconi UE UIL Unione europea USA



Commenti all'articolo
  1. Prende il via oggi a Bruxelles il vertice dei Paesi Nato e la grande attesa è per il presidente Usa Donald Trump. “L’Ue ha reso impossibile alle nostre aziende fare affari in Europa e poi vogliono che li difendiamo e che paghiamo per questo. Così non funziona!” ha scritto su Twitter Trump prima di arrivare in Belgio, facendo capire subito che è pronto allo scontro con l’Ue. Un’Unione Europea che è sempre più divisa al suo interno, rileva Repubblica: “L’Europa non ha più lo stesso volto, la stessa fisionomia che aveva solo quattro o cinque anni fa. – sostiene il quotidiano – E non è solo una questione di colore politico, ma di più complessiva egemonia culturale. La finta emergenza dei migranti, oggi al centro della riunione informale dei ministri dell’interno della Ue a Innsbruck, apre un solco anche all’interno dei partiti tradizionali, che peraltro sono già in crisi”. Una crisi che faciliterà il lavoro di Trump, spiegano gli analisti, che nel futuro della sua politica estera vede sempre più vicini Russia e Cina: “Credo che andare d’accordo con la Russia, andare d’accordo con la Cina, andare d’accordo con gli altri, sia una buona cosa, non una cattiva cosa. L’ho detto spesso in questi anni. Avremo un incontro con Vladimir Putin lunedì. Vedremo come va”, ha dichiarato Trump alla vigilia del vertice Nato (Repubblica). Sul fronte interno americano intanto, il presidente Usa ha annunciato ieri la nomina di Brett Kavanaugh a nuovo giudice della Corte Suprema. “Kavanaugh, se confermato, sposterebbe nettamente gli equilibri della Corte verso il polo conservatore – spiega il Corriere della Sera -. L’impatto sulla politica e la società americana sarebbe profondo e di lungo periodo. L’alto collegio può avere l’ultima parola su temi cruciali come l’aborto, l’ambiente, i diritti civili, le misure sull’immigrazione”.
    (Fonte Pagine Ebraiche)

  2. È previsto per oggi (lunedì) a Helsinki il vertice tra il presidente Usa Donald Trump e quello russo Vladimir Putin in cui si parlerà della situazione siriana (Repubblica). Qui la Russia, direttamente coinvolta, vuole che il dittatore Bashar Assad rimanga al potere e Trump potrebbe accettare, scrive La Stampa, visto il suo disinteresse per il conflitto siriano. “Per Trump, Medio Oriente vuol dire piuttosto Iran, Israele, Arabia Saudita. Guardiamo ai fatti. In Siria, Trump ha lasciato ai russi ampio spazio”. Spazio che però è stato lasciato anche all’Iran: Israele ha avvisato che non permetterà al regime degli Ayatollah di stabilirsi in Siria. Per questo, scrive il Giornale, il Primo ministro Benjamin Netanyahu si è recato nove volte in Russia, chiedendo a Putin affinché i soldati di Teheran lascino il paese. Un obiettivo peraltro non solo di Israele “dal 2016, secondo il New Yorker, Mohammed Bin Zayed, principe di Abu Dhabi, sollevò il problema di spingere la Russia lontano dagli ayatollah iraniani, i peggiori nemici. – riporta il Giornale – Formò un fronte con i Paesi arabi moderati, che hanno immaginato un affare in grande stile, in cui gli Stati Uniti possano sollevare da Putin le sanzioni comminategli per l’invasione dell’Ucraina in cambio della fuoriuscita iraniana”.
    (Fonte Pagine Ebraiche)

Lascia un commento