mercoledì, 17 ottobre 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Franco Mandelli. Amsi e UMEM, Ciao Professore
Pubblicato il 16-07-2018


mandelliL’Associazione Medici di origine Straniera in Italia (AMSI) e la Confederazione Internazionale UMEM-Unione Medica Euromediteranea ricordano il Prof.Franco Mandelli esprimendo condoglianze ai familiari e a tutto il popolo italiano, per questa grandissima e dolorosissima perdita sia per l’ Italia che per il mondo scientifico internazionale. Il Prof. Mandelli ha dedicato tutta la sua vita alla scienza e ha valorizzato la branca dell’ ematologia a livello mondiale: curando, e donando speranza e sorrisi, a tantissimi bambini e adulti, affetti da leucemie e varie patologie ematologiche, oncologiche e non.
Nato a Bergamo nel 1931, Mandelli, secondo i massimi esperti del settore, può esser senz’altro considerato il padre dell’ematologia, e, insieme a pochi altri, il capostipite dello sviluppo della conoscenza medica sulle malattie leucemiche. Figura di spicco della lotta specialmente al linfoma di Hodgkin e alle leucemie acute. Mandelli aveva fondato l ‘AIL, Associazione Italiana contro le Leucemie, ed era autore di più di 700 studi scientifici, e di protocolli di cura tuttora studiati e utilizzati in tutto il mondo.
Il Prof. Foad Aodi, medico fisiatra, fondatore dell’AMSI e dell’UMEM, ricorda la sua esperienza, importante e emozionante, in qualità di membro del Comitato Scientifico del Progetto Umanitario della Regione Lazio, insieme appunto a Franco Mandelli: “Coi suoi collaboratori, e altri colleghi di altre strutture sanitarie romane, abbiamo esaminato, in 10 anni, più di 1200 casi circa di bambini affetti da patologie gravi. Per farli venire a curarsi gratuitamente in Italia presso le strutture sanitarie pubbliche della Regione Lazio: bambini provenienti da Siria, Libano, Iraq, Palestina, Libia, Somalia, Sudan e Paesi africani e dell’ Europa dell’Est. Sicuramente il Prof. Mandelli, grazie alla sua fama internazionale nel mondo e nei nostri Paesi di origine (specialmente quelli in difficoltà umanitarie e sanitarie), ha dato onore all’Italia e a tutta la classe medica italiana, e specificamente romana: per questo ribadisco il nostro grazie, anche in qualità di Consigliere dell’ Ordine del Medici di Roma e Coordinatore delle Aree “Rapporti con i Comuni e Affari Esteri” e “Riabilitazione” dello Stesso Ormceo di Roma”, conclude Aodi .

Angela Merkel bce Berlusconi bersani CGIL crisi Donald Trump elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale Luigi di Maio M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Sergio Mattarella Silvio Berlusconi UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento