martedì, 14 agosto 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Prosit
Pubblicato il 31-07-2018


astroria (1)

L’iniziativa di Paolo Polegato a.d. di un’azienda vitivinicola veneta che ha acquistato un’intera pagina del Corsera allo scopo di pubblicare un manifesto antirazzista, dopo l’ennesimo episodio che ha visto come vittima una giovane atleta italiana di colore, merita due brevi considerazioni.

1) Onore al merito. Anche se si tratta di un’abile mossa di marketing, l’aver pensato di contaminarla con un messaggio antirazzista chiaro e forte contribuisce in qualche modo a smentire la leggenda metropolitana che descrive il mondo imprenditoriale del nord est, uno dei motori della nostra economia, come gretto, impermeabile ai temi sociali e interessato unicamente ad accumulare “schei”.

2) E’ peraltro davvero sconfortante che un messaggio dal chiaro contenuto politico e di forte impatto sia stato promosso da un’azienda commerciale perché avrebbe dovuto essere compito dei partiti politici, in particolare di quelli della sinistra, intestarsi una simile iniziatva.

Già. In altri tempi i comunicatori (quelli seri non quelli depilati alla Casalino) avrebbero provveduto con passione e professionalità.

Oggi non si può fare perché una simile iniziativa ha dei costi che nessun partito, non certamente il Psi, è in grado di sostenere a seguito alle dissennate iniziative legislative, adottate dai governi di csx sull’onda dell’indecente polemica anticasta, che hanno privato i partiti dei necessari strumenti finanziari che consentano di svolgere un’attività che è una delle ragioni che ne giustificano l’esistenza: la propaganda e la comunicazione.

Per sviluppare un’iniziativa simile a quella di cui si parla sono necessari un’agenzia pubblicitaria con annessi e connessi, che essendo un’impresa come le altre non lavora gratis et amore Dei, e una cospicua disponibilità finanziaria immediata (cash), perché un’intera pagina del maggiore quotidiano italiano ha tariffe molto ma molto salate.

Insomma, con il taglio dei finanziamenti ai partiti che sono stati inchiodati all’impossibilità di svolgere il proprio compito garantito dalla Costituzione, non potendo dispiegare appieno le proprie energie, ci si deve accontentare delle sia pur meritorie iniziative di qualche ricco signore illuminato. Non è un bel quadro.

In ogni caso prosit signor Polegato!

Emanuele Pecheux

Angela Merkel bce Berlusconi bersani CGIL crisi Donald Trump elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale Luigi di Maio M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Silvio Berlusconi UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento