lunedì, 19 novembre 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Scrive Francesco Ruvinetti:
Per un Partito dei Riformisti
Pubblicato il 10-07-2018


Caro Direttore,
Luigi Covatta ha concluso il suo intervento al convegno di Roma del 7 luglio con queste parole: Io mi auguro che la presenza nel dibattito pubblico di Mondoperaio possa aiutare la nascita, qui in Italia, di quel partito dei riformisti che non nacque al Lingotto una decina d’anni fa.” A quel tempo (2008-9) io scrissi un saggio dal titolo “Il PARTITO AMERICANO, da Craxi-Berlinguer a Veltroni. Per un riformismo liberale”.

In esso, evidenziavo la superiorità del riformismo craxiano (e di Martelli) sul post-comunismo berlingueriano e sottolineavo il totale fallimento degli eredi del PCI (da Occhetto a D’Alema, da Veltroni a Fassino), i quali eredi, volendo andare oltre la socialdemocrazia e cancellare il novecento non avevano mai fatto la loro Bad Godesberg e, cancellando la storia senza fare i conti con essa, avevano introdotto un “ircocervo” che non aveva nessuna base politica ed ideale: un nuovismo del nulla.

Sempre in quel 2009 rimarcai come al PD mancassero tre cose: 1) un PENSIERO, 2) una IDENTITA’, 3) un’ANIMA e che nessun partito che si richiamasse alla sinistra italiana ed europea poteva nascere senza questo fondamento comune.

Ora, come dice Covatta, il cammino può essere di nuovo intrapreso; senza tuttavia rinunciare a fare i conti con la storia; altrimenti ritorniamo al punto di partenza.

Per prima cosa dovremmo vedere se il cammino per una riunificazione dei vari pezzi di socialisti è possibile. In secondo luogo dovremmo creare un gruppo di lavoro per predisporre una grande iniziativa che coinvolga tutti gli iscritti per definire le linee ideali e programmatiche di una vera e nuova forza riformista. Un compito questo che spetta a noi (se ancora riteniamo di essere il PSI di Turati, Nenni e Craxi)

Nel predisporre questo lavoro dovremmo chiedere al mondo intellettuale (quasi sparito anch’esso) di portare il proprio contributo di idee e discussione. I tempi dovrebbero essere preventivamente definiti.

Sulla Concentrazione Repubblicana ho gli stessi dubbi di Claudio Martelli e cioè che sia “come una squadra che per rimontare tre gol scegliesse un catenaccio ultra difensivo.” Comunque ritengo questo aspetto secondario rispetto a quello di indicare una “prospettiva d’avvenire” per il riformismo italiano.

Angela Merkel bce Berlusconi bersani CGIL crisi Donald Trump elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale Luigi di Maio M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Sergio Mattarella Silvio Berlusconi UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento