giovedì, 13 dicembre 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Spiaggia della Pelosa: 20mila cicche raccolte
Pubblicato il 25-07-2018


Spiaggia Pelosa

20mila cicche di sigarette raccolte in un solo mese dai contenitori posizionati nelle aree attrezzate e riservate ai fumatori. E’ questo il primo segnale positivo della bontà dei primi interventi varati dal Comune di Stintino per contrastare il degrado della spiaggia de La Pelosa, considerata tra le più belle al mondo grazie alla sua finissima sabbia bianca e alle trasparenze del mare color turchese.

“Un progetto di cui andiamo fieri e che ha fatto parlare di sé in tutta Italia – ha dichiarato il sindaco di Stintino, Antonio Diana – da molti considerato, inoltre, un esempio di salvaguardia da imitare”.

Il regolamento sull’utilizzo dei litorali, approvato dal consiglio comunale nel maggio scorso, e di cui abbiamo già scritto in un precedente servizio, ha introdotto alcune importanti regole, con relative multe ai trasgressori, come l’uso della stuoia, il lavaggio di oggetti e piedi all’uscita dalla spiaggia, divieto di fumare se non in zone riservate e attrezzate realizzate dal Comune, e di buttare le cicche, i mozziconi delle sigarette, nella sabbia.

Importante anche il lavoro dei vigilantes non solo per controllare il rispetto del regolamento, ma anche per contrastare l’approccio supercafonal di troppi bagnanti che trattavano La Pelosa non come un gioiello da difendere e da preservare, ma come un luogo da usare e abusare a proprio piacimento, mettendone a rischio la sopravvivenza.

Tra le regole introdotte da questa estate, e ben accolte dalla stragrande maggioranza dei bagnanti che giornalmente affollano la spiaggia della Pelosa, c’è appunto quella del divieto di fumo in spiaggia e la possibilità di fumare soltanto nelle aree attrezzate, allestite dal Comune a ridosso della spiaggia.

cicche raccolteLa settimana scorsa i raccoglitori sono stati svuotati e puliti. Il risultato è stato notevole: nei sacchetti sono state gettate oltre 20mila cicche di sigaretta. Se i raccoglitori non ci fossero stati, almeno l’80 per cento dei mozziconi sarebbe finito nella sabbia della Pelosa, come succedeva sino all’estate scorsa.

Una bella notizia anche per l’ambiente della Pelosa perché il filtro delle sigarette, a seconda del materiale con cui è fatto, impiega anche due anni per decomporsi. Senza dimenticare che il mozzicone è considerato un rifiuto tossico “dimenticato” proprio perché non sempre si prende in considerazione quanto è pericoloso per l’ambiente.

Il piano di salvataggio non solo de La Pelosa, ma più in generale delle spiagge e dell’ambiente del territorio comunale di Stintino, comprende diversi progetti per un totale di 18 milioni di euro. I primi lavori in programma sono proprio quelli che prevedono lo smantellamento della strada asfaltata nel tratto compreso tra il Gabbiano e la Pelosetta per ripristinare l’assetto originale della duna alle spalle della spiaggia. Dal 2020 sarà vietato l’accesso alle automobili e la strada asfaltata sarà sostituita da una passerella pedonale in legno montata su pali. Prevista anche un’area di parcheggio ma lontana dalla Pelosa perché l’accesso in spiaggia sarà consentito solo ai pedoni, alle biciclette e ai mezzi elettrici. Lavori importanti che costeranno circa 5 milioni di euro, interamente finanziati dalla Regione Sardegna, e che inizieranno a ottobre dell’anno prossimo.

Antonio Salvatore Sassu

Angela Merkel bce Berlusconi bersani CGIL crisi Donald Trump elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale Luigi di Maio M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Sergio Mattarella Silvio Berlusconi UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento