lunedì, 15 ottobre 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Voucher, intesa nel governo su modifiche Dl dignità
Pubblicato il 20-07-2018


lavoro campi

Da quanto si apprende da fonti di maggioranza governativa, sarebbe stata raggiunta l’intesa tra M5S e Lega sulle principali modifiche da apportare al decreto dignità. Via libera quindi all’ampliamento dell’utilizzo dei voucher in agricoltura e per i settori del turismo e, probabilmente, anche degli enti locali. In arrivo anche, come annunciato dal ministro Luigi Di Maio, gli incentivi alle trasformazioni dei contratti a tempo determinato in contratti stabili, con un meccanismo che restituirà alle imprese i costi aggiuntivi (0,5%) dei rinnovi.

Ma, la Cgil è intervenuta nuovamente sui voucher. Lo aveva già fatto durante il governo Gentiloni costringendolo a limitarne gli utilizzi. Il segretario della Cgil, Susanna Camusso, sull’ipotesi della reintroduzione dei voucher nel ‘decreto dignità’ in discussione alla Camera, durante una trasmissione a Radio Anch’io, ha affermato: “La posizione della Cgil sui voucher è molto dura e netta. Se fosse vero che vengono riprodotti e allargati penso che bisogna fare una discussione se chiamarlo decreto dignità o decreto liberalizzazione. I voucher sono un perfetto strumento di sfruttamento, Di Maio forse deve mettersi d’accordo con sé stesso su quale è l’obiettivo del provvedimento. Si vuole reintrodurre uno degli strumenti peggiori”.

Alla domanda se la Cgil è pronta a rimobilitarsi come ha già fatto in passato, Camusso ha risposto: “Senza dubbio”. A proposito delle modalità, se con referendum o altro, ha detto: “Vedremo la norma e vedremo gli strumenti. E’ sbagliato non permettere ai cittadini italiani di esprimersi”.

Però, bisognerebbe anche chiedere alla Camusso ed alla Cgil con quali strumenti alternativi intenderebbero contrastare il lavoro in nero da cui ne deriva l’evasione e l’elusione contributiva e fiscale con danni ai lavoratori in termini di prestazioni pensionistiche ma anche di entrate per l’erario.

S. R.

Angela Merkel bce Berlusconi bersani CGIL crisi Donald Trump elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale Luigi di Maio M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Sergio Mattarella Silvio Berlusconi UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento