martedì, 13 novembre 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

E ora resistenza liberale
Pubblicato il 29-08-2018


Siamo al completo stravolgimento della collocazione italiana in Europa e nel mondo. Salvini é con Orban, un leader di uno stato autoritario che chiama coerentemente Democrazia illiberale, il governo appoggia il gruppo di Visegrad (Cechia, Polonia, Slovacchia e Ungheria), ma soprattutto un altro regime illiberale, quello di Putin. Siamo diventati un paese dell’Est. D’altronde se Orban era un dirigente della gioventù comunista ungherese, Salvini non era un comunista padano? A quando la reazione dei veri liberali? A quando la Resistenza liberale? Si stanno cancellando i valori dell’89 nell’indifferenza generale. Loris Fortuna, se tu ci fossi ancora, dopo il discorso di Orban di ieri, inorridiresti. E con te tutti i liberali e i socialisti. Invece si dorme.

Riassumiamo gli sgarbi alla democrazia italiana avvenuti in pochi mesi. Il governo, si dice, eletto dagli italiani, viene composto da due liste (M5S e Lega) che in campagna elettorale si erano duramente contrapposte. Potremmo parlare di una truffa, anche se non è la prima volta che avviene. Al momento della formazione del governo, vengono negate le prerogative che la Costituzione assegna al presidente della Repubblica, si apre un conflitto istituzionale di una violenza mai verificatasi precedentemente, due partiti (M5S e Fratelli d’Italia) dichiarano la loro decisione di iniziare l’iter per la messa sotto stato d’accusa del presidente, poi improvvisamente tutto si placa, i due partiti si rimangiano quel che avevano detto e il governo prende avvio.

Il presidente del Consiglio, l’avvocato Conte, non solo non è stato eletto parlamentare, ma, contrariamente a Ciampi, a Dini, a Renzi, é uno sconosciuto che non ha mai rivestito alcun incarico pubblico. Unico suo merito è quello di interpretare un ruolo di sintesi tra le attese di Salvini e di Di Maio. Per la prima volta in Italia non é il presidente a proporre i suoi vice, come vorrebbe la Costituzione, ma sono i suoi vice che propongono la nomina del presidente. Tra le deleghe distribuite fa un certo clamore quella per la democrazia diretta. Un esponente della democrazia rappresentativa che lavora per un’altra democrazia? Non è un caso che i due leader autentici del primo partito italiano annuncino in altrettante interviste che la democrazia rappresentativa va superata e che il Parlamento potrebbe essere non più eletto, ma estratto a sorte. La reazione a questo vulnus gravissimo della nostra storia repubblicana non si vede. I vari Zagrebelsy che avevano inneggiato alla Costituzione intangibile a fronte del referendum di Renzi, si tappano orecchie e si bendano gli occhi.

Il primo atto del nuovo governo é il rifiuto di una imbarcazione con poche decine di migranti, l’Aquarius, che poi troverà accoglienza in Spagna dopo l’intercessione del presidente socialista Sanchez, atto che darà fiato alle trombe dell’uomo forte, coi pugni sul tavolo nel mare e in Europa, ma che deve solo ringraziare il suo predecessore se gli sbarchi dal gennaio sono diminuiti dell’85%. Come é noto in Italia quando il governo giallo-verde si è installato non si era in presenza di alcuna invasione, tanto che gli immigrati regolari in Italia sono solo l’8%, molto meno dele percentuali di paesi come la Germania, il Regno unito, il Belgio e altri, e gli irregolari poche centinaia di migliaia. Contemporaneamente con un blitz la Camera introduceva il riconteggio contributivo dei vitalizi degli ex deputati che non si applica per nessun altro pensionato e nemmeno per i senatori.

Dopo il cosiddetto Decreto dignità, che ha suscitato proteste anche in larghi settori della Lega, con l’illusione che rendendo più problematici i contratti a tempo determinato si aumenteranno quelli a tempo indeterminato, il crollo del ponte Morandi ha riproposto drammaticamente il tema delle grandi opere che i grillini hanno bloccato e intendono continuare a bloccare. A partire proprio dalla Gronda di Genova che Grillo s’intestardisce a contestare, per finire con la Tav Torino-Lione in via di definizione ma che si intende ridiscutere, e con la Tap, il grande gasdotto che renderebbe noi e l’Europa più autonomi da Putin. Sull’Ilva invero curioso l’atteggiamento di Di Maio che prima sottopone il progetto Calenda all’avvocatura di stato, poi, nonostante alcuni rilievi di irregolarità, lo preserva perché conveniente. Ma se é conveniente perché rivolgersi all’avvocatura? Infine le vicende della nave Diciotti con Salvini che contrasta non solo qualsiasi sentimento umanitario, ma anche la legge e la Costituzione italiana. Son trascorsi meno di tre mesi e i disastri non sono trascurabili. Di fronte a noi il pericolo di un profondo deragliamento democratico cresce di giorno in giorno. Vedremo cosa accadrà tra poche settimane all’economia italiana, fino a che punto la responsabilità di Giovanni Tria avrà il sopravvento. Intanto 200 miliardi di investimenti stranieri hanno lasciato il nostro paese in soli due mesi. Da oggi ognuno è meno libero, cito al contrario Nenni, e forse più povero?

Angela Merkel bce Berlusconi bersani CGIL crisi Donald Trump elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale Luigi di Maio M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Sergio Mattarella Silvio Berlusconi UE UIL Unione europea USA



Commenti all'articolo
  1. Resistenza liberale, si ma con strutture e leader totalmente nuovi.
    Il fallimento di quelli che ancora oggi insistono ( nello scenario politico, così come nel dettare le linee) ha determinato l’avvento dell’attuale assetto politico-governativo.
    La loro è una “RESISTENZA INDECENTE”.

  2. Orban sarà anche un leader ‘illiberale’ ma l’Ungheria è oggi un paese economicamente sano. Il tasso di disoccupazione dopo la crisi del 2008 è tornato a uno dei valori più bassi in Europa (dal 11,3% del 2010 al 3,8% attuale), la crescita economica ha ritmi sostenuti (+3,2% nel 2017) e finanze pubbliche solide (il rapporto debito/PIL è al 73%). Il reddito pro capite ungherese oggi è quasi raddoppiato rispetto a quello di venti anni fa (da 15 mila a 27 mila dollari).
    Chiedo: sarà anche per questo che gli Ungheresi lo votano in massa?
    L’Italia è un paese in profonda crisi. I numeri del disastro italiano sono impietosi e sotto gli occhi di tutti.
    La produzione industriale è crollata negli ultimi 10 anni del 20%. Il reddito degli italiani è tornato ai livelli di 20 anni fa.
    La disoccupazione è all’11%, quella giovanile al 33% ed il lavoro è sempre più precario con i contratti a Tempo Determinato che superano ormai i 3 milioni. Ci sono 5 milioni di poveri.
    Chiedo: sarà anche per questo che gli italiano hanno abbandonato in massa la sinistra?
    Infine: da SOCIALISTI, più che proporre una resistenza liberale, dovremmo lanciare una sfida SOCIALISTA a questo governo sui temi della giustizia sociale e dei diritti di libertà.

  3. La parola “liberale” è molto suggestiva e coinvolgente ma, francamente, non mi pare essere molto di casa laddove, se non erro, si volevano inasprire le pene per “colpe” che mi sembrerebbero ascrivibili ai “reati di opinione”, e chi ha mentalità liberale non dovrebbe propendere per porre limiti alla libera espressione del proprio pensiero, secondo la celebre massima garantista attribuita a Voltaire.

    Credo anch’io che vi sia lo spazio per una politica di ispirazione liberale, ma per guadagnar fiducia nel corpo elettorale bisognerebbe dar corpo agli enunciati, mentre sento ancora pronunciare una sorta di frasi fatte, come mi è capitato di ascoltare anche ieri da un esponente della sinistra, del tipo occorre “maggiore giustizia sociale”, ma il tutto si ferma poi lì, rimane cioè sospeso a mezz’aria.

    Io ritengo invece che andrebbe detto come si pensa di ottenere una tale “maggiore giustizia sociale”, e se la strada fosse quella di “togliere ai ricchi per dare ai poveri”, come si sente abbastanza spesso ripetere, non mi sembrerebbe da un lato una politica dai tratti molto liberali, e andrebbe comunque aggiunto come si pensa di premiare i meriti, visto che questo dovrebbe essere uno dei perni della concezione liberale.

    Io eviterei innanzitutto di cadere in contraddizione, perché può essere facile definirsi liberali, o cercar di vestirne i panni, ma poi occorre esserlo nei fatti, e qui capita non di rado che “l’abito non faccia il monaco”, e i socialisti dovrebbero saperne qualcosa visto che, se ben ricordo, vi è stato chi ha cercato di prenderne il nome e le sembianze, ma non ne aveva la mentalità, e neppure l’anima.

    Paolo B. 31.08.2018

Lascia un commento