martedì, 13 novembre 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

FGS
Nave Diciotti, intervenga Mattarella
Pubblicato il 24-08-2018


Si sta consumando in queste ore l’atto tragico di una grande truffa. 117 naufraghi, soccorsi dalla Guardia Costiera, sono letteralmente tenuti in ostaggio dai capricci propagandistici del Ministro dell’Interno – il quale evidentemente ha poteri illimitati; nel silenzio e nella complicità del felpato Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte.

La truffa consiste nel nascondere agli italiani una verità: la politica attuata dal Governo non funziona. Al passato Consiglio di Bruxelles non si è ottenuto niente, se non che gli altri paesi europei possono aiutarci solo se lo vogliono – qui Conte è stato clamorosamente raggirato. E proprio con quei paesi europei con i quali ci potrebbe essere una cooperazione, i rapporti sono peggiorati; per esempio bullizziamo la storicamente filoitaliana Malta, di cui dovremmo invece farci interpreti.

Si stringono invece i rapporti con l’Ungheria, o con l’Austria – subito pronta a chiudere i confini contro di noi: questi paesi, guidati da forze politiche ostili ai nostri interessi, non hanno la minima intenzione di aiutarci nella gestione del fenomeno dell’immigrazione. L’Italia dunque si è isolata, e alle forze di governo non resta che dare un orripilante spettacolo.

Al mondo si sta dando un’immagine sbagliata dell’Italia. Per questo chiediamo l’intervento del Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, che come Capo Supremo delle Forze Armate ha lui il potere di ordinare ad una nave della nostra Guarda Costiera lo sbarco. Dopodiché chiediamo che le responsabilità di questo atto contro la legge vengano stabilite, e i colpevoli perseguiti.

Angela Merkel bce Berlusconi bersani CGIL crisi Donald Trump elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale Luigi di Maio M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Sergio Mattarella Silvio Berlusconi UE UIL Unione europea USA



Commenti all'articolo
  1. Io penso che la questione immigrazione, similmente ad altre, sia materia che attiene alla sfera politica, e saranno poi gli elettori a promuoverne o bocciarne le azioni al momento del voto, e riterrei pertanto sbagliato invocare interventi “esterni”, ancorché autorevoli, perché in tal modo si rischia a mio avviso di indebolire il ruolo della politica (il che non mi sembrerebbe buona cosa, indipendentemente da come ciascuno di noi può pensarla, sul piano politico).

    Paolo B. 29.08.2018

Lascia un commento